BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE. Mosca, ha accompagnato a Bruxelles gli studenti vincitori del concorso “Diventiamo cittadini europei”

Il Consigliere segretario dell’Ufficio di presidenza con delega alla Consulta Europea Michele Mosca ha accompagnato a Bruxelles gli studenti vincitori della 39esima edizione del concorso “Diventiamo cittadini europei”, istituito dall’Assemblea legislativa piemontese attraverso la Consulta Europea per gli allievi delle scuole superiori della nostra Regione, dove hanno visitato le istituzioni europee con un viaggio premio dal 26 al 28 aprile.
«I ragazzi devono essere i cittadini europei del futuro – commenta il consigliere Michele Mosca – e quindi devono vivere l’Europa in maniera attiva e proattiva, poiché non è sempre detto che quello che ci chiede l’Ue sia positivo per noi e per il nostro Paese. Ne sono da esempio il sistema di etichettatura dei prodotti Nutri-Score, fortemente svantaggioso per le nostre eccellenze nazionali, oppure il via libera ai cibi sintetici e con farine di insetti, o ancora lo stop alla vendita dei veicoli con motori endotermici immatricolati dopo il 2035, la cui ratifica per i cosiddetti eFuel crea ancora disparità e non è sufficiente per una transizione economicamente sostenibile e socialmente equa, colpendo in modo particolare il Piemonte, dove c’è una storica cultura legata al mondo dell’automobile e comporterebbe pertanto una forte disoccupazione».
I giovani studenti hanno potuto scoprire il mondo del Parlamento europeo, visitando l’Emiciclo e il Parlamentarium, il più grande centro visitatori parlamentare d’Europa. Un viaggio attraverso la storia e l’integrazione europea, per scoprire come funziona il Parlamento, come vengono approvate le leggi e conoscere le sfide che attendono i paesi membri. Una mappa interattiva sul pavimento del Parlamentarium ha permesso ai ragazzi di compiere un viaggio virtuale in Europa, mostrando loro più di 100 storie sulla diversità del continente.
Altra tappa è stata Palazzo Berlaymont, sede della Commissione europea, dove sono ospitati gli uffici di tutti i membri della Commissione e i loro gabinetti, l’ufficio del Presidente e la sala di rappresentanza della Commissione sono al tredicesimo piano.
Agli studenti era richiesto lo svolgimento in forma di elaborato scritto o multimediale di uno dei seguenti temi: “La siccità e l’aumento dei costi energetici mettono in evidenza l’urgenza di rimediare ai guasti arrecati al clima. Quale ruolo può svolgere l’Unione europea nel suo insieme e quale contributo può dare ogni singolo cittadino? E una seconda traccia dal titolo “La politica Ue di tutela dei consumatori si è arricchita negli anni di un vasto patrimonio di regole protettive. Quali sono, a tuo avviso, gli impatti più significativi che i cittadini europei percepiscono di tale politica? Quali criticità necessitano ancora di attenzione e approfondimento?”.
La visita è terminata con i ringraziamenti da parte del consigliere Mosca «per aver fatto un’attività di tipo extrascolastico nel partecipare al bando, volendo personalmente approfondire temi importanti e distinguendosi perciò in modo positivo tra le scuole del Piemonte».

I commenti sono chiusi.