BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE/3. I consiglieri leghisti: “Giornata del Valore Alpino, il nostro grazie alle Penne Nere per il loro senso del dovere”

I consiglieri del gruppo Lega Salvini Piemonte hanno partecipato alla cerimonia che si è tenuta nell’aula di Palazzo Lascaris per la celebrazione della prima Giornata regionale del Valore Alpino. “Nella società in cui viviamo – ha esordito il capogruppo Alberto Preioni – gli alpini sono innanzitutto custodi di un grande insegnamento: quello del dovere. Con il suo esempio, questo straordinario corpo ricorda a ognuno di noi che non esistono solo dei diritti, ma che un Paese, per crescere forte e sano, ha bisogno anche di doveri da assolvere. Gli alpini hanno infatti la capacità di farsi portatori di significati universali.
Ragione per la quale la Giornata del valore alpino non può e non deve avere un colore politico. Il martirio di una intera generazione, che poi era quella dei nostri bisnonni, dei nostri nonni, dei nostri prozii che sono andati avanti nelle steppe di Russia, non merita di essere sporcato con il revisionismo di parte. Questa è piuttosto la celebrazione di una forza d’animo straordinaria, uno sforzo che ha pochi eguali nella storia d’Italia, in pace o in guerra. L’attaccamento alla vita anche quando tutto sembrava perduto: vivere, per se stessi, per i propri cari, per una Patria da ricostruire una volta tornati a casa”.
“Nella ritirata di Russia – ha ancora ricordato il presidente Preioni – si è così andata a formare una coscienza che già aveva in sé i principi fondativi della nostra Repubblica, a iniziare dal ripudio della guerra. E non dobbiamo quindi stupirci se tanti protagonisti della nostra Resistenza erano appunto Alpini. Quelli che ci sono sempre nel momento della difficoltà e che rispondono presente nell’ora del dovere. Quelli che non si tirano mai indietro ma che sono sempre pronti a fare la propria parte a favore del prossimo, durante un’alluvione, una calamità o, più recentemente, la pandemia. E poi quelli che con le loro adunate ci ricordano che la vita è anche sano divertimento. A loro il nostro grazie più sincero e più grande”.
«Oltre a ricordare la gloriosa storia del Corpo degli Alpini dalla data della loro fondazione avvenuta nel 1872, ritengo doveroso soffermarmi su quello che fate per la nostra società» così il consigliere regionale Michele Mosca intervenendo in Aula durante la celebrazione della prima Giornata regionale dedicata al valore alpino, istituita con l. r. n. 8/2022. Una Giornata non solo celebrativa ma di iniziative concrete per diffondere i valori del Corpo degli Alpini.
«Con la presenza capillare su tutto il territorio della nostra Regione – prosegue Mosca – da sempre gli Alpini sono un esempio per tutti noi, sempre presenti alle iniziative svolte a livello locale così come nelle emergenze, grandi o piccole che siano. Le “penne nere” garantiscono un arricchimento per la società e soprattutto per i giovani, che non a caso abbiamo voluto coinvolgere nella nostra legge in modo importante. Noi Alpini siamo un tratto distintivo del Piemonte, per questo meritiamo di essere valorizzati e proprio in questa direzione va la legge del Consiglio regionale che abbiamo approvato e denominato appunto “valore alpino”. Una legge che intende promuovere e valorizzare le iniziative territoriali diffondendo valori storici, sociali e culturali, sostenendo le attività di formazione in particolare delle nuove generazioni anche attraverso i campi scuola, la Protezione Civile e il Soccorso Alpino».
«Mi fa piacere che l’Ana sezione di Biella stia ragionando di ripresentare la propria candidatura per l’Adunata Nazionale. È stato fatto un grande lavoro che non merita di essere disperso. Utilizzando il nostro motto “Tücc’ Ün” mi auguro che tutti insieme si possa lavorare uniti per portare in Piemonte l’Adunata nel 2025. Come sempre – conclude Mosca – la Regione sarà al vostro fianco per far sì che ancora una volta nei nostri territori si realizzi un grande evento di amicizia e di valore alpino».

I commenti sono chiusi.