BI24_2010/2020_DALL’OSPEDALE. Un regalo al reparto di Ostetricia, grazie alla generosità dei biellesi ed a… 600 orsacchiotti di peluche

Lo scorso Natale aveva riscosso un grande successo l’iniziativa “Accendi il Cuore” promossa dal Centro Commerciale Gli Orsi per la raccolta fondi dedicata al “Progetto Nascita” dell’Ospedale dell’Asl di Biella: tutti i 600 orsetti di peluche erano andati esauriti grazie alla grande generosità dei bambini biellesi e delle loro famiglie. Ora il progetto è diventato realtà, a favore di tutte le mamme che partoriranno presso il reparto di Ostetricia e Ginecologia diretto dalla Dott.ssa Bianca Masturzo. La campagna di raccolta fondi era finalizzata a contribuire all’acquisto di un cardiotocografo da destinare al Blocco Parto del reparto di Ostetricia e Ginecologia, in cui sono previsti alcuni progetti di rinnovamento e potenziamento tecnologico, di cui questa donazione costituisce la prima di alcune nuove acquisizioni in programma.
I 600 orsetti di peluche che addobbavano l’albero di Natale allestito all’interno del Centro Commerciale erano andati esauriti prima ancora che la campagna fosse conclusa, raccogliendo 6.745 euro, cifra che ha contribuito per circa la metà dell’importo necessario all’acquisto del cardiotocografo con le relative sonde. La donazione fa parte di un progetto più ampio finalizzato ad assicurare il massimo benessere materno e del feto durante il travaglio, incrementando ulteriormente gli standard di sicurezza e assistenza al momento della nascita. Nei giorni scorsi il Direttore del Centro Commerciale, Alessandro D’Angelico, ha incontrato il Direttore Generale, Mario Sanò, per un ringraziamento ufficiale da parte dell’Azienda Sanitaria e la dottoressa Bianca Masturzo, Direttore Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Biella con alcuni collaboratori del suo staff medico e ostetrico tra cui e la coordinatrice Michela Meconcelli.
“Questa donazione si inserisce in un percorso di acquisizione volto all’innovazione tecnologica del reparto, al fine di assistere le donne durante travaglio con i più alti standard di sicurezza. – commenta Bianca Masturzo, Direttore della SC Ostetricia e Ginecologia – Siamo felici di questo risultato e grati a tutti coloro che hanno contribuito a sostenere il progetto. Il travaglio è un momento estremamente delicato: è una meravigliosa e naturale strada verso la nascita che alcune volte può però nascondere alcune insidie.
Il travaglio è un momento che rimane impresso nel ricordo delle donne, soprattutto se si protrae nel tempo o se insorgono delle difficoltà. Spesso le donne tramandano con il passa parola aneddoti e racconti che a volte si ingigantiscono e mettono ansia e paura alle future mamme che devono affrontare l’ultima fase della gravidanza. L’obiettivo dell’Ospedale di Biella è puntare sull’innovazione tecnologica abbinata ad un aggiornamento scientifico costante per offrire la massima sicurezza e professionalità, collocando il presidio biellese fra i migliori reparti italiani di ostetricia. L’esperienza e la competenza professionale abbinate a tecnologie all’avanguardia consentiranno di ridurre al minimo i rischi per il neonato incorrere nell’eventualità di un problema legato al travaglio, assicurando prestazioni di qualità sempre più alta a beneficio della sicurezza. Ringrazio la popolazione per la generosità e la fiducia accordataci ed il mio gruppo di lavoro, medici, ostetriche ed operatrici sociosanitarie, per l’entusiasmo, la dedizione e la professionalità che ogni giorno vedo”.
“L’iniziativa natalizia “Accendi il Cuore” è andata oltre ogni nostra aspettativa e il ricavato a favore del “Progetto Nascita” dell’Ospedale di Biella ha superato ogni nostra previsione. – Dice Alessandro D’Angelico, Direttore del Centro Commerciale Gli Orsi – Inutile dire che siamo contenti e orgogliosi di aver partecipato e collaborato con una realtà così importante come l’Asl di Biella per raggiungere questo inaspettato quanto atteso risultato. Ringraziamo tutti i nostri visitatori e clienti che hanno contribuito, con un piccolo, ma importantissimo gesto di solidarietà, a sostenere il progetto per l’acquisto di un cardiotocografo da destinare al reparto di Ginecologia e Ostetricia”.

I commenti sono chiusi.