BI24_2010/2020_DAL CAPOLUOGO/2. A palazzo Pella, il brindisi con i dipendenti ed il saluto a quelli che sono andati in pensione

Prima di un conviviale ritrovo dei dipendenti comunali nella palestra di Palazzo Pella, che si sono radunati per trascorrere un momento insieme prima delle imminenti festività, il sindaco Claudio Corradino ha salutato i dipendenti comunali che hanno terminato il percorso lavorativo nel corso di questo 2022.
Un ringraziamento per l’attività svolta al servizio dell’Ente e della città è stato rivolto dal primo cittadino: “Sono andato a salutare chi all’interno di questa struttura ha lavorato e prodotto una cosa preziosissima, ovvero servizi e aiuto per i cittadini di Biella. Li ho ringraziati personalmente per l’impegno profuso in tanti anni di lavoro svolto in Comune: loro sono la testimonianza di come si è sviluppata e di come è cambiata la Pubblica Amministrazione: credo che è quello che ci mancherà di più, oltre ad un bagaglio di competenze enorme. Il loro contributo professionale e l’esperienza messa a disposizione dei cittadini e a sostegno delle esigenze della collettività nell’arco di questi anni rappresentano un importante e prezioso patrimonio lasciatoci in eredità e di cui faremo tesoro”.
Il sindaco Corradino ha poi consegnato le tradizionali pergamene quale tangibile testimonianza di stima, riconoscenza e gratitudine per l’impegno profuso durante gli anni di servizio, e con l’augurio di un futuro sereno e ricco di soddisfazioni. I nominativi dei nuovi pensionati: Emanuele Acquadro, Guido Bruno, Carmela Ciano, Marina Cossavella, Claudio Massimo Fasulo, Angelina Fatone, Pietro Grigatti, Giuseppe Maffeo, Monica Minari, Piera Ottina, Maria Teresa Panunzio, Lorella Stoppa e Raffaella Torello Viera.
Durante la simpatica festa organizzata in modo impeccabile da alcuni dipendenti, il primo cittadino ha voluto ancora “ringraziare tutti quanti lavorano in Comune. Quella di tornare ad utilizzare la palestra mi pare un’ottima idea e magari in futuro quest’area la si potrà mettere a disposizione dei dipendenti per svolgere diverse attività”.

I commenti sono chiusi.