BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE/2. Canalis, Pd: “Bilancio: bocciato l’emendamento che soccorreva i comuni sull’aumento delle tariffe in Rsa”

_Monica Canalis (consigliere regionale Pd)
La Dgr del 7 settembre sull’adeguamento delle tariffe per le prestazioni di assistenza residenziale dei presidi socio-sanitari residenziali (Rsa) e semi-residenziali (Cdi, Cdia) per anziani è stata licenziata senza un confronto con i Comuni e con gli Enti Gestori delle Funzioni socio assistenziali. Il risultato è che ora gli enti locali sono in forte difficoltà perché, mentre l’aumento della tariffa sulla quota sanitaria trova copertura nel Sistema sanitario regionale, l’aumento sulla quota alberghiera/sociale ricade interamente sugli utenti e sui Comuni. Che non ce la faranno. Lo ha dichiarato anche Anci Piemonte in una nota del 27 settembre.
Il maggior costo per i bilanci di Comuni e Consorzi sarà di quasi 4 milioni di euro, senza alcuna misura regionale che lo neutralizzi e non faccia saltare il sistema. È di interesse delle stesse associazioni rappresentative delle Rsa che le rette vengano pagate dagli utenti e perché ciò avvenga la Regione deve dare una mano, soprattutto in una fase così critica per le famiglie. Eppure la Giunta Cirio ha respinto l’emendamento a mia prima firma che soccorreva i Comuni.
Le tariffe necessitavano effettivamente di un adeguamento, essendo ferme dal 2013, ma la Giunta Cirio non può pensare di cavarsela solo con questa Dgr: oltre a soccorrere i Comuni nel sostenere l’aumento della quota alberghiera/sociale, deve garantire la saturazione dei posti letto in convenzione (nel 2020 spese 238 milioni di euro invece dei 268 annunciati), aumentare il numero di posti letto in convenzione e soprattutto riformare il modello di cura, dai minutaggi all’integrazione sociosanitaria. Senza sostituire la spesa sanitaria con i voucher sociali del Fondo Sociale Europeo. Diciamo ‘no’ ad un arretramento finanziario della sanità sulle politiche per gli anziani piemontesi!

I commenti sono chiusi.