BI24_2010/2020_DAL COSSATESE. Cossato: caso “Nordind”, la Cassazione dà ragione al Comune. Biverbanca sborserà oltre 250.000 euro

Si conclude con sentenza in favore del Comune di Cossato il contenzioso approdato in Cassazione con la Biverbanca, per la prestazione della fidejussione dovuta da quest’ultima a garanzia degli obblighi assunti verso il Comune dalla società Nordind S.p.a., nell’ambito del Piano per gli insediamenti produttivi (Pip) approvato con D.G.R. n. 33- 25218 del 5.08.1998. La Cassazione con ordinanza depositata l’8 novembre 2022, rigetta infatti il ricorso presentato dalla Biverbanca sulla sentenza resa dalla Corte di Appello di Torino nel 2020, con la quale si statuiva che Biverbanca SpA fosse tenuta al pagamento dell’importo di 520.000 euro oltre interessi al Comune di Cossato, a titolo di fidejussione per inadempimento agli obblighi contrattuali da parte della società Nordind SpA.
L’Amministrazione Comunale, previa verifica degli eventuali vincoli giuscontabili, potrà ora valutare l’impiego della rilevante somma. È sicuramente un importante risultato per l’Amministrazione Comunale, per l’entità della cifra ma anche a riprova del proficuo lavoro, svolto dagli uffici comunali, finalizzato al recupero del credito vantato nei confronti di un importante istituto bancario, in questo ottimamente supportati dallo studio legale torinese Finocchiaro Formentin Saracco & Associati, in particolare dall’Avvocato Laura Formentin.
Il Sindaco Enrico Moggio esterna “Viva soddisfazione per questo risultato che segna un’importante svolta anche per il contenzioso analogo avviato dal Comune per l’incameramento della cauzione versata a garanzia dell’adempimento degli obblighi contrattuali da parte della società Vesta Spa con riferimento al Piano Esecutivo Convenzionato dell’area ex Mercato. Un contenzioso che si riavvia in primo grado innanzi il Tribunale di Biella e rispetto al quale la sentenza della Cassazione appena pervenuta segnerà un precedente di riferimento importante che consente di sperare in un altro esito positivo. Per le casse del Comune una boccata di ossigeno che garantirà importanti investimenti che, diversamente, non avrebbero probabilmente trovato copertura in un difficile momento,come quello che stiamo attraversando con gli effetti del caro energia e gas, che impattano sia sull’Ente che sulle famiglie.

I commenti sono chiusi.