BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE. Andrea Cane, Lega: “Un aiuto agli Enti locali, per completare le opere pubbliche oggetto di programmi regionali”

Sono lievitati i costi legati al settore costruzioni edili e a pagarne il prezzo sono anche gli Enti locali piemontesi, che troppo spesso si trovano a non riuscire nell’intento di completare o realizzare le opere pubbliche oggetto di programmi tra Regione e gli stessi Enti territoriali. “Con un ordine del giorno urgente al Consiglio regionale del Piemonte, su una tematica alla quale stavo lavorando da diverse settimane – commenta Andrea Cane, consigliere del gruppo Lega Salvini Piemonte, per la quale ricopre anche il ruolo di responsabile Enti locali piemontesi – ho chiesto il rifinanziamento degli accordi di programma regionali per la realizzazione di opere pubbliche sul territorio. Il 2022 ha pagato gli effetti generati dalla pandemia, ai quali si è aggiunta la crisi del conflitto ucraino: in questo contesto abbiamo visto lievitare i costi delle materie prime edilizie e quello dell’energia, per la quale il difficile approvvigionamento ha creato un vero e proprio cortocircuito”.
“Come per le famiglie e le aziende – ha proseguito il consigliere regionale residente In Valle Soana – per fronteggiare l’eccezionale aumento dei costi, anche gli Enti locali debbono essere supportati. Ho portato a titolo di esempio per tutto il territorio regionale un progetto della valle dove risiedo, del Comune di Valprato Soana, che a causa della crisi economica e del forte aumento dell’inflazione, ha richiesto formalmente un’integrazione economica in maniera proporzionale dell’accordo di programma stipulato con la Regione Piemonte, al fine della realizzazione di un percorso di fun bob e del potenziamento degli impianti sportivi”.
“Da queste sollecitazioni scaturite da un progetto che seguo fin dai primi mesi della mia elezione e che ritengo darà una svolta positiva al turismo dei nostri territori – ha concluso il vicepresidente della commissione Sanità Andrea Cane – ho chiesto come risposta atti urgenti ed indifferibili di sostegno economico anche per tutti gli altri comuni del Piemonte che si ritrovano nella medesima situazione, al fine di assicurare il completamento o la realizzazione delle opere pubbliche oggetto di appositi accordi di programma stipulati fra la Regione e gli stessi Enti territoriali, valutando la possibilità di rifinanziare l’apposito fondo regionale per il finanziamento degli accordi di programma per le annualità 2023-2024-2025”.

I commenti sono chiusi.