BI24_2010/2020_DAL CIRCONDARIO. Candelo: Kiva, la studentessa americana che si è laureata (a pieni voti) con una tesi sul Ricetto

E’ di qualche mese fa la notizia di una studentessa statunitense, Kiva Victoria Talty, in Italia per seguire il Master di Gastronomia all’Università di Scienza Gastronomiche di Pollenzo, che aveva scelto proprio Candelo e il Ricetto per la sua tesi. L’esito dell ricerca è stato ottimo: “Sono orgogliosa di poter dire che ho raggiunto il voto finale del Master con 110 su 110. Vi sono grata per aver condiviso con me il vostro lavoro: le vostre risorse e il vostro tempo mi hanno aiutato a creare un progetto finale solido ed espressivo”.
Kiva, che era già stata a Candelo per sopralluoghi e ricerche, con grande entusiasmo spiega che “la mia ricerca nel vostro bellissimo comune si è concentrata sulle collezioni del piccolo museo: come il cibo, la tradizione e la metodologia sono rappresentati ed espressi attraverso la cultura materiale; come le tradizioni alimentari possano essere interpretate, conservate e rivitalizzate; e le sfumature e l’importanza della progettazione delle collezioni museali per rendere tutto fruibile al pubblico in modo chiaro, interessante e moderno”.
Ora, dopo la celebrazione della tesi, Kiva racconta di essere “attualmente in viaggio per una presentazione in Danimarca e viaggerò un po’ come regalo di laurea e di compleanno. Sarò negli Stati Uniti per le vacanze e tornerò poi in Italia all’inizio del 2023”. Ed è questa la buona notizia, con la conferma che il progetto di collaborazione non si chiude affatto con questa tesi: Kiva tornerà a Candelo per approfondire ulteriormente i suoi studi sul borgo: ha scelto di voler vivere con la comunità e immersa nella storia e nelle tradizioni del borgo per poter arrivare a contribuire personalmente alla crescita culturale e turistica del paese.
L’interesse della studentessa per Candelo era nato approfondendo il “Piccolo Museo delle cose di cucina e pasticceria”, ulteriore tassello del nuovo percorso di visita del borgo che il Comune sta realizzando. Il Piccolo Museo nasce nel 2000 da un’idea della Famiglia Angelino-Catella, già titolari del Ristorante “Fuori le Mura” di Candelo i quali decidono di rendere pubblica e visitabile la loro raccolta: attrezzature, stampi, arnesi, libri, documenti, fotografie, rame ed anche macchinari d’epoca inerenti al settore gastronomico, alberghiero e di pasticceria ed anche di uso casalingo e popolare.
Anima della collezione è lo Chef Valerio Angelino Catella: la sua passione per la trasmissione dei saperi sulle tematiche del mondo gastronomico e food è alla base della collaborazione con il Comune. Il museo in passato era aperto solo occasionalmente durante alcuni eventi e grazie alla disponibilità del proprietario, ma ora potrà essere apprezzata dal pubblico andando a costituire un fattore di ulteriore attenzione alla visita del Ricetto e di Candelo.
Collaborazione chiama collaborazione, e Kiva è subito rimasta entusiasta del progetto, scorgendone subito le potenzialità. Kiva è originaria degli Stati Uniti, nata e cresciuta a Chicago, poi trasferita a Marco Island, in Florida. Ha lavorato presso il Botanical Garden di Naples (Florida) per alcuni anni, dopo aver lavorato in siti storici, organizzazioni culturali e musei. Innamorata delle organizzazioni culturali e dei musei fin da bambina, ha completato uno stage curatoriale a Milwaukee mentre acquisivo il certificato di laurea in studi museali.
Kiva in precedenza ha infatti conseguito titoli di studio e certificati presso il Spring Hill College e l’Harvard Extension School. Il Sindaco Gelone, chiude con un invito rivolto a tutta la comunità di Candelo: “Kiva vorrebbe quindi trascorrere un periodo a Candelo per i suoi studi e per approfondire gli aspetti culturali e museali del Ricetto. Il nostro Settore Cultura la accoglierà tra uffici e Biblioteca per permetterle di studiare in loco e la supporterà nel lavoro di pianificazione e ricerca. Sarebbe davvero bellissimo che qualche Candelese si facesse avanti per ospitarla. È una ragazza, oltre che preparata, anche molto dolce ed educata: dimostriamo ancora una volta, l’accoglienza e il grande cuore di Candelo”.
Per comunicare ufficialmente la propria disponibilità, si invita a scrivere all’Ufficio Cultura ufficiocultura@comunedicncandelo.it indicando nome e indirizzo. Si verrà ricontattati.

I commenti sono chiusi.