BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE/2. Gallo e Rossi, Pd: “Costituzionalità del ‘Fondo Vita’, Marrone corre ai ripari con una delibera che non sta in piedi”

L’assessore Marrone ha presentato in IV Commissione la delibera contenente “i criteri per l’accesso ai finanziamenti per la promozione e realizzazione di progetti di accompagnamento individualizzati finalizzati alla promozione del valore sociale della maternità e al sostegno delle gestanti e/o neomamme ed alla tutela della vita nascente da parte di organizzazione e associazioni operanti nel settore della tutela materno infantile e iscritti negli elenchi approvati dalle Asl e degli Enti gestori delle funzioni socio assistenziali competenti”, nota come Fondo di Vita Nascente.
“La delibera è centrata sulle associazioni accreditate operanti nel settore della tutela materno infantile presso le Asl, ma contemporaneamente, nella variazione di bilancio questi elenchi spariscono ‘per ovviare a eventuali istanze di incostituzionalità e conseguenti possibili impugnative’ da parte del Governo come riportato nella stessa relazione alla variazione di Bilancio in cui sono previsti 460mila euro per il Fondo di Vita Nascente (60 mila per enti gestori – 400 mila per associazioni)”. Dichiarano il Presidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale Raffaele Gallo e il Vicepresidente della Commissione Sanità Domenico Rossi.
“Che cosa accadrà alla delibera dopo che questi elenchi spariranno dal dettato normativo? Resterà valida? Decadrà? O dovremo rivederla? La confusione regna sovrana e per questo abbiamo chiesto di rinviare la discussione a dopo la variazione di bilancio” affermano i consiglieri.
“Ma non solo – proseguono Gallo e Rossi – nell’Asl di Novara non ci sono associazioni accreditate e, quindi, la delibera si inventa una deroga temporale per consentire alle associazioni l’accreditamento solo per quel territorio. Ma nel caso in cui nessuno si proponesse a Novara che cosa accadrebbe? Non sosterremmo più le donne? Proprio il caso novarese mostra l’aspetto più ideologico per cui al centro del provvedimento non ci sono le donne, bensì le associazioni pro-vita. Sarebbe stato meglio dare le risorse direttamente alle Asl o agli enti gestori delle politiche sociali, come abbiamo richiesto con i diversi emendamenti presentati durata la discussione della nascita del cosiddetto Fondo di Vita Nascente”.

I commenti sono chiusi.