BI24_2010/2020_DAL CAPOLUOGO/2. “Nati per leggere”: un corso per formare i volontari nelle biblioteche e promuovere la lettura in famiglia

Sei un amante della lettura e ti piacerebbe trasmettere la tua passione anche ai più piccoli? Allora entrare a far parte del programma “Nati per Leggere” è quello che fa per te! Formare un gruppo di volontari che dedichino un po’ del loro tempo e della loro passione per promuovere la lettura ai bambini (0-6 anni), anche coinvolgendo i genitori in biblioteche, ambulatori pediatrici, centri vaccinali, consultori. È’ questo l’obiettivo del corso per volontari “Nati per Leggere” che si svolgerà in parte online ed in parte in presenza, presso la Biblioteca ragazzi “Rosalia Aglietta Anderi” di Biella.
Il corso ha lo scopo di far conoscere il programma e la sua attuazione, i benefici della lettura in età precoce, lo sviluppo del bambino, il ruolo dei volontari e la collaborazione con gli operatori, la produzione editoriale selezionata per la fascia 0-6 anni, le modalità di lettura e la comunicazione efficace per la promozione della lettura in famiglia. Il corso si svilupperà in due parti: innanzitutto con una formazione a distanza, con visione in autonomia di video formativi su piattaforma Moodle Csb (8 ore). Quindi con un incontro conclusivo in presenza (6 ore) che si terrà sabato 12 novembre, presso la Biblioteca Ragazzi in piazza Lamarmora 5 a Biella.
Le indicazioni relative all’accesso alla piattaforma Moodle Csb verranno inviate via mail ai partecipanti selezionati. Per iscriversi al corso e ricevere informazioni sul progetto locale “NpL” è possibile scrivere una mail (natiperleggere@comune.biella.it) o contattare la Biblioteca ragazzi al numero: 015.3507651. Chiusura iscrizioni: 9 ottobre 2022. Il corso è dedicato ad un massimo di 25 persone e i partecipanti verranno selezionati sulla base delle indicazioni fornite al momento dell’iscrizione. La formazione si realizza con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del progetto “Nati per Leggere Piemonte”.
Il volontario NpL è una persona che decide liberamente di dedicare del tempo alla promozione della lettura in famiglia già nei primi anni di vita, affinché possa diventare una buona pratica condivisa e abituale per chi si prende cura dei bambini. Si impegna in un Programma dal grande impatto educativo e sociale, rappresenta NpL come programma di comunità, ne diviene perciò ambasciatore e collaboratore svolgendo il ruolo o i ruoli che gli sono congeniali. Spesso si tratta di figure professionali, come insegnanti della scuola dell’infanzia ed educatori di nido, ma non mancano educatori, operatori culturali, volontari per altri progetti culturali, impiegati, studentesse, genitori, nonni.
I Volontari NpL propongono attività di lettura in diversi luoghi: biblioteche, punti lettura NpL, sale d’attesa degli ambulatori pediatrici, reparti di pediatria ospedalieri, punti vaccinali, consultori, nidi e scuole dell’infanzia, all’aperto e in qualsiasi posto in cui si possa creare un angolo adatto ad accogliere i bambini insieme ai loro genitori. A sostegno dell’iniziativa esiste il programma “Nati per Leggere”, promosso dal Centro per la salute del bambino onlus di Trieste, dall’associazione culturale Pediatri e dall’associazione italiana biblioteche (Aib).
Le iniziative NpL sono gratuite, aperte a tutti e prevedono sempre la presenza dei genitori o di adulti accompagnatori del bambino per rinforzare e radicare il messaggio che la lettura è una pratica da condividere in ambito famigliare. Nel progetto NpL i volontari leggono ai bambini storie adeguate alla loro età e proponendo ai genitori una modalità di lettura semplice, da fare in famiglia, basata sulla relazione adulto – bambino per stimolarne le capacità relazionali, emotive e cognitive.

I commenti sono chiusi.