BI24_2010/2020_DAL FONDO EDO TEMPIA. Oggi il quarto appuntamento con “Librarsi”: l’ospite sarà Marina Sozzi

Marina Sozzi si definisce «una veterana del cancro». Ed è dal punto di vista della paziente che ha scritto “Non sono il mio tumore”, il saggio che sarà presentato nel quarto appuntamento con la rassegna Librarsi. Il ciclo di incontri culturali organizzato dal Fondo Edo Tempia e dall’associazione Emanuele Lomonaco-Far Pensare proseguirà lunedì 2 ottobre sempre nei giardini del Fondo in via Malta (ingresso da via Marconi) e sarà legato alla seconda giornata nazionale di sensibilizzazione sul tumore al seno metastatico, un’iniziativa di Europa Donna.
Marina Sozzi è stata traduttrice, redattrice in case editrici, docente universitaria, esperta di terzo settore. Oggi è la direttrice di Samco, associazione di sostegno ai malati oncologici con sede a Chivasso. Per due volte ha dovuto affrontare il tumore da paziente ed è da questa esperienza che nasce il desiderio di scrivere un libro che parlasse anche del rapporto del medico con i le persone che ha in cura: «La malattia» dice «non è un alieno e nemmeno un mostro, ma è parte di noi, non è una colpa averla e si può vincere solo in un contesto amichevole e appropriato».
Marina Sozzi dialogherà con la vicepresidente dell’associazione Far Pensare Patrizia Tempia, responsabile della struttura di psicologia clinica dell’Asl di Biella. Interverranno la presidente della Fondazione Tempia Viola Erdini e il presidente di Far Pensare, oltre che direttore di oncologia nell’azienda sanitaria biellese, Francesco Leone. L’incontro sarà alle 16,30 e si svolgerà nella sala conferenze della sede del Fondo Edo Tempia in caso di maltempo.

I commenti sono chiusi.