BI24_2010/2020_DAI CARABINIERI. Biella: non trova le sigarette e quindi… picchia la moglie. Uomo di 52 anni arrestato

Carabinieri della Sezione Radiomobile del Norm della Compagnia di Biella, nei giorni scorsi hanno arrestato un 52enne, perché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e minacce. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per il carattere facilmente irascibile e per altre vicende penali, sabato sera, dopo aver cenato, era andato a coricarsi, ma, nel mezzo della notte, è stato colto dalla voglia irrefrenabile di fumare una sigaretta a letto.
Per pigrizia, però, ha ritenuto più comodo svegliare la moglie ed incaricarla, con autorità, di andargli a prendere il pacchetto nella stanza accanto. La donna, pur di malavoglia, si è alzata a caccia del pacchetto, non trovandolo. Di qui è scaturita una accesa discussione, che ha portato l’uomo ad andare in escandescenze rivolgendosi alla coniuge con reiterati insulti e schiaffeggiandola, colpevole di non essere stata capace di accontentarlo.
Il gesto, già per sé non condivisibile, è diventato di estrema gravità considerando la recidività ed i precedenti del marito, più volte segnalato per atti di violenza. Impietrita, la moglie non ha più proferito parola, nel tentativo di lasciarlo sbollire e forse sperando che tutto tornasse alla normalità, al più presto.
L’allarme al 112 è stato dato subito dopo, con la richiesta di intervento da parte della donna, scioccata ed ancora incredula, in quanto il compagno, non contento della paura fin qui scatenata nei suoi confronti, continuava nell’atteggiamento iracondo, volendo ora “chiarire” vicende passate. Sul posto intervenivano, quindi, un equipaggio della Radiomobile ed un’ambulanza con personale medico.
La donna, raggiunta e tranquillizzata dai militari, veniva affidata al personale sanitario, che provvedeva a trasportarla presso il pronto soccorso dell’ospedale di Biella/Ponderano per le cure del caso, mentre l’uomo, ancora arrabbiato, continuava ad inveire ed a minacciare la donna durante tutto l’intervento. Riportata la situazione alla normalità, i successivi accertamenti dei Carabinieri hanno permesso di ricostruire l’episodio. Il 52enne veniva, pertanto, tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia e, espletate le formalità di rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Biella, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria Biellese che coordina le indagini.

I commenti sono chiusi.