BI24_2010/2020_DALLA POLIZIA DI STATO. PolFer: 3.200 pattuglie in servizio e 60.000 persone controllate per il “Rail Safe Day”

Con lo scorso weekend si è conclusa la programmazione di servizi intensificati mirati nelle aree ferroviarie per garantire la sicurezza nel periodo estivo, caratterizzato da maggior flusso dei viaggiatori, anche in concomitanza con gli ultimi rientri dalle località di vacanza. Il bilancio dei servizi messi in campo dal Compartimento di Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle D’Aosta descrive un’attività di vigilanza capillare e costante per tutta l’estate 2022, dal 1° giugno al 10 settembre.
Oltre 3.200 pattuglie impiegate nei servizi d’istituto in stazione, a bordo treno e lungo linea, hanno permesso di controllare 60.000 persone di cui 9.000 risultate positive al controllo in banca dati e di rintracciare più di 10 minori. Quattordici le persone tratte in arresto e 100 gli indagati, 5 le persone con intenti suicidi tratte in salvo. Sono state poste a sequestro 12 armi da taglio, circa un chilo di sostanze stupefacenti rinvenute, tra cui cannabinoidi e cocaina, e una decina di piante di cannabis. Oltre 1.200 treni presenziati dagli operatori Polfer, con particolare attenzione alle tratte in cui si sono registrate criticità e ai convogli a lunga percorrenza.
Undici i servizi straordinari organizzati dal Servizio di Polizia Ferroviaria ed effettuati in contemporanea a livello nazionale a cui il Compartimento Polfer ha partecipato, tra i quali ‘Stazioni sicure’ e “Rail Safe Day”, finalizzati al controllo dei viaggiatori e bagagli al seguito con l’uso di metal detector, alla prevenzione dei comportamenti illeciti in ambito ferroviario nonché al contrasto della microcriminalità, in particolare nelle stazioni non presidiate da personale Polfer, anche con servizi congiunti a pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine e Unità Cinofile.
Nell’ambito del contrasto ai furti di rame e al controllo amministrativo delle ditte di smaltimento di materiale ferroso, gli operatori Polfer hanno contribuito alla ‘Operazione Oro Rosso’ sottoponendo a verifica 72 strutture specializzate, ad alcune delle quali elevato sanzioni amministrative per un complessivo di circa 11.000 euro, per irregolarità nella gestione documentale e denunciato uno dei proprietari per attività di gestione di rifiuti non autorizzata.
Nel mese di giugno scorso il personale Polfer è stato impiegato, inoltre, nei servizi di “Rail Action Day” nell’ambito della collaborazione internazionale delle Polizie Ferroviarie Europee “RailPol”, mirati a una più efficace azione di prevenzione e contrasto dei fenomeni criminosi maggiormente diffusi in ambito ferroviario, anche con un’attenta vigilanza alle stazioni interessate al traffico ferroviario internazionale proveniente da Svizzera e Francia.
Nel mese di luglio la Polizia Ferroviaria di Novi Ligure ha rintracciato una giovane donna smarrita lungo i binari dove passano i treni a velocità elevata. La stessa si è incamminata lungo il marciapiede nelle ore più calde del giorno. Impaurita ha inviato fotografie del luogo dove si trovava al suo insegnante e una volta fatte visionare agli operatori Polfer, è stata rintracciata, tranquillizzata e riaccompagnata in stazione dove ha potuto ricongiungersi con il suo insegnante.
Nel mese di agosto la Polizia Ferroviaria di Torino Porta Nuova ha individuato un cittadino italiano che si aggirava nell’area dei binari della stazione con un vistoso martello. Lo stesso aveva precedentemente costretto, dietro minaccia di morte, un cittadino marocchino a prelevare la somma di 150 euro al vicino bancomat, impossessandosene. L’uomo è stato arrestato per estorsione ed indagato per percosse e porto abusivo di armi e oggetti atti ad offendere.

I commenti sono chiusi.