BI24_2010/2020_IL CASO, Mongrando: bollette aumentate da 950 a… 5.000 euro al mese, in un anno, per il “Bar Mixer”. Ma stiamo scherzando?

_Ros
Avete presente il “Bar Mixer” di Mongrando? Si tratta di un locale fondamentale per la comunità della Valle Elvo (e non solo), perché ogni giorno, per tutto il giorno, regala alla gente un momento di relax, l’opportunità di mangiare qualcosa, il piacere di bersi un aperitivo oppure un caffè insieme. Regala l’importanza di avere un luogo dove ritrovarsi, a prescindere dal motivo.
Ma non si tratta di un ricercato bar di Biella. E men che meno di una location all’ultimo grido di Milano o di Roma: è un posto elegante e dignitoso “da paese”, dove il titolare Giorgio Bertinetti ed il suo staff fatto di ragazze educate, precise, graziose nel ‘coccolare’ i clienti, danno un servizio fatto di cuore e voglia di fare, di simpatia e del piacere di imparare come si “vive” un bar con stile.
Bene, la crisi (inventata, vergognosa, senza senso) dell’energia, oggi rischia di mettere in ginocchio questo piccolo angolo di Biellese, dove fino ad ora i sorrisi, l’empatia e la serenità, erano riusciti a sconfiggere tutto, anche la (inventata, vergognosa, senza senso) pandemia da covid.
Oggi, una presunta guerra che avviene a migliaia di chilometri da Mongrando, una guerra che non ci riguarda e che viene usata come pretesto, rischia di lasciare senza lavoro delle persone che, quel lavoro, se lo meritano ogni giorno. E rischia di lasciare senza il loro posto di ritrovo quotidiano, altre persone che dopo aver faticato tutto il giorno, giustamente, vogliono un luogo dove stare bene dopo aver fatto il loro dovere.
Guardate le foto che pubblichiamo in questa pagina: sono le bollette per l’elettricità pagate da Giorgio, tra luglio ed agosto, lo scorso anno. E, di fianco, ci sono le bollette che deve pagare, nello stesso periodo, quest’anno: da una media di 950 euro al mese, ad una di oltre 5.000 euro… Ma stiamo scherzando? Se le facessimo vede al buon Mario Giordano del programma “Fuori dal Coro”, sai le urla…
Giorgio, che conosco personalmente da anni, non lo dirà mai. Pagherà le bollette in qualche maniera. Difenderà il suo staff e la sua azienda. Ma… Che vergogna. Di più: che schifo. Anche perché a Milano, a Roma, anche a Biella, se ti aumentano le bollette, puoi aumentare i prezzi. Ma se sei un bar di Mongrando, mica puoi fare pagare un cocktail 15 euro, un piatto di pasta 20 euro, un caffè 3 euro…
Una vera e propria presa per il culo legalizzata. Uno scenario talmente squallido e sconcertante, che neanche George Orwell in “1984” avrebbe potuto immaginare un futuro così dispotico, così antipatico, così delirante. Così ingiusto. Giorgio Bertinetti, come tanti altri italiani, pagherà. Ma prima o poi, qualcun altro dovrà pagare. Veramente. Senza pietà. E senza bisogno dell’invio di una bolletta…

I commenti sono chiusi.