BI24_2010/2020_DAL CAPOLUOGO. La nazionale femminile di rugby, ospite della città per preparare i mondiale in Nuova Zelanda

Per preparare gli ultimi test in vista della Rugby World Cup 2021 – in programma in Nuova Zelanda dall’8 ottobre – la Nazionale di rugby femminile è da alcuni giorni in città dove sta rifinendo la preparazione negli impianti sportivi del Biella Rugby. Le azzurre hanno giocato a Nizza sabato 3 settembre, per poi tornare a Biella e proseguire gli allenamenti. Venerdì 9 alle ore 18 presso la Cittadella del Rugby di via Salvo d’Acquisto si terrà l’incontro di ritorno con le cugine d’oltralpe. La Nazionale, con tutto lo staff azzurro, accompagnata dal presidente del Biella Rugby Filippo Musso e dal vice presidente Susanna Miola, dal past president gialloverde nonchè dirigente della Nazionale maschile Under 20 Cesare Maia, è stata accolta nella Sala Consigliare di Palazzo Oropa.
Il sindaco di Biella ha evidenziato come la Città di Biella possa contare su una società rugbistica di grande valore, che da tanti anni si fa apprezzare sia sul terreno di gioco, sia in campo sociale, in grado di far crescere un vivaio di prim’ordine e di avere una prima squadra capace di ben figurare nel campionato di Serie A, maschile e femminile. Un grande plauso ai tanti dirigenti che in questi quarant’anni sono stati capaci di raggiungere questi traguardi. Questa amministrazione è da sempre vicina allo sport e la palla ovale in passato ha regalato alla città tanti avvenimenti, ma come si dice, la partita più bella è quella che si deve ancora disputare, per cui il primo cittadino ha auspicato una folta presenza di pubblico per il match che l’Italia disputerà contro la Francia venerdì 9 settembre.
Il sindaco ha poi sottolineato come la città abbia ospitato recentemente tanti eventi: da Bolle di Malto alla serata “Campioni sotto le stelle”, con la presenza della Coppa del Mondo vinta in Germania nel 2006 e con testimonial del calibro di Fabio Cannavaro e Ciro Ferrara, concludendo con un grosso in bocca al lupo alle ragazze in vista dell’appuntamento iridato. Il presidente del Biella Rugby Filippo Musso spiega che: “l’ospitalità del Biella Rugby è apprezzata da tempo dalle Nazionali azzurre. Vi auguriamo di concludere al meglio i prossimi due test contro la Francia. Sappiamo che tutte voi darete il massimo e ci auguriamo anche da parte nostra di saper dare il massimo dal punto di vista organizzativo durante la vostra permanenza in città”.
“A me piace ricordare che la prima partita del Sei nazioni femminile è stata giocata a Biella, nel 2007, guarda caso proprio contro le transalpine – ha sottolineato Cesare Maia -. Nei due precedenti disputati in città contro le transalpine abbiamo sempre perso, per cui ora sarebbe il caso di cambiare registro. Avere qui le azzurre è uno stimolo per il nostro settore femminile, su cui crediamo molto. Domenica le ragazze della Nazionale disputeranno una partitella di ‘flag’ con i ragazzi Special Olympics: il rugby è uno sport sempre inclusivo e ringrazio lo staff azzurro di aver accettato”.
“Prima di tutto, a nome della squadra e dello staff desidero ringraziare la città di Biella e il Biella Rugby Club per la splendida accoglienza e per la disponibilità dimostrata negli anni, a riprova del forte legame con il gioco e della passione con cui lo stesso viene promosso sul territorio – ha detto il capo allenatore Nazionale femminile di rugby Andrea Di Giandomenico -. La dedizione del comitato organizzatore rende un grande servizio nel facilitare le operatività durante il raduno”.

I commenti sono chiusi.