BI24_2010/2020_DALL’OSPEDALE. Asl: approvato il Piano di investimenti per le tecnologie sanitarie, da un milione e 700mila euro

L’Azienda Sanitaria di Biella in questi giorni ha chiuso il documento programmatorio relativo all’acquisizione di nuove apparecchiature e tecnologie sanitarie previste per l’anno in corso. Si tratta del “Piano degli Investimenti 2022” ed è attualmente in fase di autorizzazione definitiva che avverrà con Deliberazione del Direttore Generale, su proposta della Struttura Complessa Tecnico. L’ammontare complessivo degli acquisti supera il milione e mezzo di euro, a cui si aggiungono circa 200 mila euro di attivazioni di nuovi noleggi e service, sempre previsti entro l’anno, per un totale di 1milione e 700mila euro.
Tali investimenti interessano sia l’attività ospedaliera che territoriale e consentiranno di garantire la sostituzione di attrezzature già in uso, di attivare linee di attività più innovative e di ottimizzare anche in termini di efficienza l’erogazione delle prestazioni. Il piano ha un valore complessivo di oltre 1,7 milioni di euro: l’Asl trae da risorse proprie circa 1 milione di euro, di cui 800mila circa euro di acquisti diretti, a cui si aggiungono acquisizioni in parte corrente (nuovi noleggi e service) per un valore di circa 200mila euro all’anno (per ciascun anno di contratto).
A questi vanno affiancati i finanziamenti dedicati (provenienti da sostenitori privati e da progetti pubblici specifici) per ulteriori 180mila euro circa: si tratta di acquisti effettuati dall’Azienda Sanitaria con contributi economici parziali o totali, derivanti da progetti innovativi o di sperimentazione o erogazioni da parte di terzi: Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, enti anche scientifici, altre realtà del territorio e anche alcuni privati cittadini.
Altrettanto strategico è il capitolo relativo alle donazioni dirette di attrezzature: da anni il fiore all’occhiello dell’Asl di Biella. Al momento per il 2022 ammonta ad un controvalore di quasi 500mila euro, grazie all’Associazione Amici dell’Ospedale di Biella, che quest’anno si è già impegnata su diversi progetti, ma anche Rotary Club, alcune Fondazioni, tra cui Fondazione Tempia e Fondazione Caraccio, aziende del Biellese e cittadini. Il Servizio Sanitario Pubblico Italiano, il cui valore è riconosciuto a livello mondiale, fa la sua parte, ma in questa fase storica anche i territori che considerano la sanità un fattore strategico per il loro sviluppo diventeranno sempre più determinanti.
Una sanità al passo con l’innovazione costituisce innanzitutto un elemento qualitativo a beneficio dei pazienti, che possono trovare vicino a casa modalità di diagnosi e cura all’avanguardia e in linea con i centri di riferimento. Al tempo stesso l’innovazione è un indubbio elemento attrattivo per i professionisti, che valutano le sedi anche in termini di opportunità di crescita e carriera. Inoltre, con l’apertura del nuovo Ospedale si è consolidata la consapevolezza che solo con l’integrazione e la collaborazione su progettualità strategiche condivise che si è in grado di raggiungere obiettivi importanti con ricadute significative anche negli anni successivi all’investimento.
In questa fase socio-economico impegnativa e delicata, la strategia messa in atto dall’Asl Biella mira ad integrare due pilastri fondamentali dell’Azienda Sanitaria: innovazione e sostenibilità. Infatti, nonostante la dinamica dei prezzi che sta duramente condizionando i bilanci di tutte le aziende sanitarie, grazie ad una sinergia di territorio, l’Asl di Biella è riuscita a dare comunque continuità agli investimenti tecnologici, assicurando così una prospettiva concreta di sviluppo.

I commenti sono chiusi.