BI24_2010/2020_VERSO LE ELEZIONI. A Viverone, la Lega Giovani ha incontrato tanti ragazzi per spiegare le strategie rivolte a loro

Tanta partecipazione e tanto entusiasmo registrati al gazebo della Lega Giovani a Viverone, uno dei 60 organizzati in tutto il Paese e che ha visto il movimento giovanile della Lega attivo anche in piena estate nelle località turistiche per ascoltare i giovani e illustrare le proposte del partito rivolte a loro. Scuola, università, lavoro, famiglia e ambiente i temi centrali del gazebo congiunto tra Lega Giovani Biella e Lega Giovani Vercelli-Valsesia sul lungolago di Viverone domenica scorsa.
La Lega è stato nell’ultima legislatura il gruppo parlamentare con più giovani e con l’età media più bassa, a dimostrazione della grande attenzione rivolta sia alle istanze delle giovani generazioni sia alla loro rappresentanza. Nel nostro programma sono presenti proposte concrete e realizzabili, che un governo politico di centrodestra a guida Lega saprà portare a termine: l’accesso libero per tutti al primo anno delle facoltà a numero chiuso (come medicina e architettura) posticipando la “selezione” alla fine del primo anno al fine di garantire la formazione universitaria a tutti gli studenti; la realizzazione della piena parità tra scuola statale e paritaria; lo stravolgimento del reddito di cittadinanza a favore del sostegno alle imprese per generare davvero lavoro e risolvere il dramma sociale di chi non studia e non lavora (i cosiddetti Neet); sgravi fiscali per le start-up nei primi tre anni di attività e incentivi superiori al 75% per privati e imprese che investono su di esse; Iva a zero per prodotti neonatali e innalzamento dell’indennità di maternità; nuove politiche abitative e massicci interventi sul mondo del lavoro under 30; investimenti nella ricerca che coinvolgano le università per la produzione di energia rinnovabile; investimenti nel nucleare di ultima generazione sicuro e a basso impatto ambientale anche al fine di affrontare il caro bollette ed evitare nuove possibili tasse “ambientaliste”.

I commenti sono chiusi.