BI24_2010/2020_DAL CAPOLUOGO. Palazzo Ferraro: sabato 27, visita guidata speciale alla mostra “Reality” di Luciano Pivotto

Una occasione speciale per conoscere un ciclo di lavori che l’artista Luciano Pivotto ha dedicato al tema del lavoro è la visita guidata alla mostra “Reality” economie che si terrà a Palazzo Ferrero sabato 27 agosto alle ore 16.30. I due curatori, Andrea Pivotto e Irene Finiguerra, guidano i visitatori all’incontro con queste opere che dimostrano ancora una volta la visione lucida e chiara di Pivotto sul mondo del lavoro con una lungimiranza che può essere solo dei veri artisti.
Andrea Pivotto illustrerà i temi che hanno caratterizzato la vita artistica del padre, mentre Irene Finiguerra si soffermerà sulle opere esposte che sono state realizzate con la tecnica di disegno e scrittura che è stato il registro di Luciano Pivotto.
Attraverso più di trenta opere, l’artista prova a rispondere alle domande: cos’è il lavoro? È proprio vero che il lavoro definisce ognuno di noi? E se sì, fino a che punto le persone sono realmente libere di scegliere quale occupazione accettare, e a quali condizioni?. Secondo Pivotto, nato all’inizio degli anni ‘50, il lavoro è un saper fare manuale, creativo, abile e indispensabile per la realizzazione di manufatti e di servizi.
Per questo motivo, nelle sue opere sceglie di rappresentare vari mestieri, come quello dell’elettricista, del meccanico, del pasticcere o del falegname, concentrando il suo sguardo solo sulle mani, al punto che lo spettatore può comprendere quale mansione stiano svolgendo solo attraverso l’azione che compiono.
A livello stilistico, l’immagine viene delineata con il ricorso alla scrittura incisa su tavole di legno ricoperte di cera, o in alternativa scritta a china su carta poi ricoperta di cera. L’intero ciclo di “Reality” economie era stata esposto nel 2013, prima della prematura scomparsa, nella Galleria Maria Cilena a Milano e mai più presentata in pubblico.

I commenti sono chiusi.