BI24_2010/2020_DAL CAPOLUOGO/1. Ercoli, Lega: “Grazie al nostro lavoro, oltre 600mila euro in più all’anno per le manutenzioni”

_Alessio Ercoli (consigliere Lega Biella)
C’è un punto dell’ultimo consiglio comunale che forse è passato quasi inosservato, ma che rappresenta un chiaro esempio di come l’operato della Lega in Comune abbia inciso positivamente sia sulle casse dell’ente, sia di conseguenza sugli interventi tangibili che altrimenti non sarebbe stato possibile effettuare. Mi riferisco alla relazione sugli equilibri di bilancio che, oltre a sottolineare la gestione finanziaria virtuosa intrapresa dal nostro assessore al bilancio Silvio Tosi, rileva come l’amministrazione Corradino da quando è in carica abbia liberato ogni anno cospicue risorse dal bilancio comunale, potendole così utilizzare per interventi che per la Lega rappresentano la priorità, ovvero le manutenzioni.
Solo nell’ultimo anno, sono stati infatti recuperati 662mila euro rispetto al 2017. Un fondo aggiuntivo notevole, che con i sindaci precedenti era vincolato e non poteva quindi essere speso. Nello specifico, 450mila euro sono stati risparmiati dagli interessi per cassa negativa (nel 2017 il saldo di cassa netto era -11 milioni di euro, oggi è +11 milioni di euro) e altri 212mila sono stati sbloccati grazie al rispetto dei termini di pagamento ai fornitori, certificati dal Mef e passati da 56 giorni (ma prima erano addirittura una settantina) a 29 giorni (1 giorno in meno del termine, fissato a 30 giorni).
Questi due risultati, frutto di un intenso lavoro degli amministratori della Lega, hanno consentito di stanziare maggiori risorse per sistemare alcune situazioni di incuria che abbiamo ereditato assieme a un pesante debito. La giunta è stata quindi impegnata su entrambi i fronti e ha ottenuto notevoli risultati, resi possibili solo grazie a una accorta gestione economico-finanziaria.
Siamo consapevoli che sono molti gli interventi che attendono ancora una risoluzione e che la percezione che si ha della città spesso non rispecchia l’operato degli ultimi anni. Tuttavia abbiamo ereditato una situazione complessa: non solo un’assenza di manutenzioni da parte delle ultime amministrazioni che si sono susseguite, ma le stesse hanno addirittura contribuito a indebitare la città.
È quindi doveroso puntualizzare che la condizione di partenza era talmente grave da annullare quasi l’impatto di un simile, importante, investimento aggiuntivo. Se ancora molte aree paiono trascurate, provate a immaginare come si sarebbe potuto intervenire per coprire le buche, sistemare i marciapiedi o soddisfare una segnalazione con mezzo milione di euro in meno. Credo sia giusto che tutti i cittadini sappiano che, senza tale cambio di modalità e di gestione politica, il grado di incuria sarebbe decisamente maggiore.

I commenti sono chiusi.