BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE/1. Preioni, Lega: “L’assestamento di bilancio fotografa un Ente che finalmente viaggia ad un’altra velocità”

Il capogruppo della Lega Salvini Piemonte Preioni, ha partecipato alla discussione generale che ha introdotto il dibattito sull’assestamento di bilancio di previsione 2022-24 della Regione. Un documento che per il presidente dei consiglieri del Carroccio fotografa un Piemonte che sta tornando alla normalità dopo la pandemia e al quale la giunta a trazione Lega ha impresso una nuova velocità, garantendo solide basi per affrontare a testa alta un autunno che si annuncia problematico.
Con questa maggioranza al governo della Regione si è finalmente modificato quell’approccio che metteva al centro solo le grandi città, aprendosi a tutti i territori, alle montagne, alle colline, alle campagne. Merito di una Lega che guarda alle periferie e che con orgoglio è sempre più il partito del popolo, degli operai e delle Partite Iva. Sul sociale sono stati già stati realizzati interventi senza precedenti, come i piani di contrasto alla povertà, il recupero delle case popolari e investimenti per decine di milioni di euro. Da settembre, invece, verranno attivati piani ancora più incisivi a favore delle imprese e delle Partite Iva, oltre ad un’azione per riportare in Piemonte le aziende che hanno delocalizzato, inseguendo il modello di un’economia globalizzata che la pandemia ha cancellato.
Il resto, ha poi aggiunto il capogruppo leghista, è la descrizione elettorale e propagandista delle minoranze di un Piemonte che non esiste. Questa è una maggioranza che le riforme le porta a casa, come dimostrano la rivoluzione di Azienda Zero o l’imminente discussione su Allontanamento Zero e sulla nuova legge per l’assegnazione delle case popolari che premierà chi è da più tempo residente in Piemonte. Provvedimenti approvati nonostante una pandemia che è stata gestita nel migliore dei modi, al punto da mettere la nostra Regione ai vertici di tutti i parametri italiani ed europei.

I commenti sono chiusi.