BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE. Gavazza, Lega: “Istituti per l’infanzia: 4,7 milioni di euro per supportare le famiglie”

Oltre 370 Comuni piemontesi riceveranno dalla Regione 4,7 milioni di euro per sostenere gli istituti per l’infanzia, pubblici e privati, con particolare attenzione ai bambini diversamente abili e al pieno utilizzo dei posti esistenti – dichiara il consigliere regionale della Lega Salvini Piemonte Gianluca Gavazza -. Si tratta di interventi a supporto delle famiglie ed in particolare per contrastare la curva della denatalità e aiutare le mamme lavoratrici”.
Nella Città Metropolitana di Torino riceveranno questi contributi 139 Comuni; coinvolte realtà del Chivassese, tra cui Brandizzo, Caluso, Casalborgone, Castiglione Torinese, Chivasso, Lauriano, Mazzè, Montanaro, San Benigno Canavese, San Raffaele Cimena, Torrazza Piemonte, e comuni del Canavese, tra cui Ivrea, Rivarolo Canavese, Castellamonte, Cuorgnè, San Giorgio Canavese, Ozegna, Favria, Valperga, Strambino, Pavone e altri. I contributi giungeranno anche nei comuni del Basso Vercellese, quali Crescentino, Saluggia, Livorno Ferraris, Cigliano, Tronzano Vercellese, Santhià e Cavaglià.
“Le risorse serviranno per stabilizzare e potenziare le sezioni primavera, superare progressivamente gli anticipi di iscrizione alla scuola dell’infanzia, consolidare la formazione del personale e promuovere i coordinamenti pedagogici territoriali – evidenzia Gianluca Gavazza, Consigliere Segretario dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale del Piemonte -. La Regione sta cercando di attivare tutti gli strumenti disponibili per potenziare misure e azioni in supporto alle famiglie e a tutti gli amministratori che cercano di mantenere i servizi sui propri territori”.
Per quanto riguarda i tempi di erogazione, la Regione trasmetterà al Ministero dell’Istruzione la scheda della programmazione regionale e gli interventi che saranno attuati entro il 31 dicembre 2022 dai Comuni beneficiari. I contributi in compartecipazione regionale saranno liquidati all’inizio del prossimo anno.

I commenti sono chiusi.