BI24_2010/2020_CAPOLUOGO/1. L’Amministrazione comunale incontra i vertici di “Engie”: al vaglio alcune soluzioni per contenere i costi delle bollette

Famiglie, industrie, aziende e, anche il Comune di Biella, devono fare i conti con il caro bollette. Un rincaro che ha subito messo in allarme la Giunta Corradino. Venerdì scorso (17 giugno) i vertici dell’amministrazione, rappresentata dal sindaco Claudio Corradino e dal vice sindaco Giacomo Moscarola hanno incontrato a Palazzo Oropa Jean François Chartrain, direttore della Divisione Teleriscaldamento di “Engie” Italia, che nel 2008 ha firmato la convenzione con il Comune di Biella per la realizzazione della rete di Teleriscaldamento, attivando in via Ambrosetti la centrale, che a ottobre 2010 ha iniziato l’erogazione del calore nella zona sud della città. Successivamente sono stati realizzati nuovi lavori di estensione per alimentare altre zone della città.
Il caso coinvolge circa seimila famiglie e anche il Comune di Biella con diversi edifici pubblici serviti del teleriscaldamento, le cui tariffe hanno subito un consistente aumento rispetto alla stagione termica precedente. La tariffa del teleriscaldamento è infatti indicizzata al costo del gas, che ha subito un incremento significativo senza precedenti, ma non ha beneficiato delle misure eccezionali varate dal governo per calmierare gli aumenti del prezzo del gas.
Le dichiarazioni del sindaco Claudio Corradino: “Siamo soddisfatti di questo primo incontro. Il Comune ha un notevole interesse in gioco, ma non dimentica la situazione di tanti cittadini. Abbiamo cercato di individuare alcune soluzioni per contenere i costi, sia i nostri, sia quelli delle famiglie. La soddisfazione deriva dal fatto che i rappresentanti di “Engie” ci abbiano ascoltati con interesse e confidiamo che si possano trovare altri spiragli”.
“All’Amministrazione Comunale di Biella e ai nostri clienti abbiamo espresso la massima disponibilità a individuare soluzioni che consentano di ridurre l’impatto derivante dall’aumento dei prezzi dell’energia – spiega Jean François Chartrain -. Abbiamo illustrato i meccanismi che hanno portato ad un aumento delle tariffe per la stagione termica appena conclusa e siamo già intervenuti applicando misure straordinarie per mitigare l’incremento dei prezzi. La situazione è in continua evoluzione e ci stiamo adoperando per adottare ulteriori misure per far fronte agli aumenti generalizzati”.

I commenti sono chiusi.