BI24_2010/2020_IL MONDO VISTO DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Putin si toglie un sassolino dalla scarpa su crisi alimentare e finanza verde”

_Sandro Delmastro delle Vedove
Vladimir Putin ha concesso un’intervista al canale televisivo Rossiya1, in cui ha identificato alcune cause della crisi che questa newsletter e altri critici della politica Ue denunciano da tempo. Sulla crisi alimentare, Putin ha fatto presente che essa è cominciata ben prima dell’operazione militare russa in Ucraina e tra le cause ha citato la pandemia e gli errori della politica monetaria occidentale. “Negli Stati Uniti la base monetaria è cresciuta di 5,9 trilioni di dollari in meno di due anni, dal febbraio 2020 alla fine del 2021”, ha detto, e “l’offerta di contanti è cresciuta del 38,6%”.
Questo, a sua volta, ha fatto aumentare i prezzi alimentari. La seconda causa identificata da Putin sono le “politiche miopi” dell’Ue sull’energia, che hanno sopravvalutato la capacità delle energie alternative, come fotovoltaico ed eolico, e minimizzato l’importanza delle fonti convenzionali di energia. “Personalmente credo che molti attori politici negli Stati Uniti e in Europa abbiano sfruttato le preoccupazioni naturali della gente per i cambiamenti climatici e cominciato a promuovere questa agenda verde, anche nel settore energetico”. Come risultato di questa politica, “le banche hanno cessato di erogare prestiti perché erano sotto pressione, le compagnie di assicurazione hanno cessato di assicurare gli accordi.
Le autorità locali hanno cessato di concedere terreni per espandere la produzione e rallentato la costruzione di mezzi speciali di trasporto dell’energia, come le condutture. Tutto ciò ha portato come risultato una scarsità di investimenti nel settore globale dell’energia e all’aumento dei prezzi”. E gli europei si sono rifiutati di “preservare i contratti per le forniture a lungo termine” di gas russo. Quando i prezzi del gas hanno cominciato a salire, quelli dei fertilizzanti sono saliti di conseguenza. “Gli inglesi e in seguito gli americani hanno imposto sanzioni sui nostri fertilizzanti.
Poi, accortisi di ciò che stava accadendo, gli americani hanno tolto le sanzioni, ma gli europei le hanno lasciate”. Rispondendo all’accusa secondo cui la Russia impedirebbe che il grano nei silos ucraini venga esportato, Putin ha fatto presente che è stata Kiev a minare i porti, che Mosca è pronta a “garantire il passaggio pacifico nelle acque internazionali” qualora gli ucraini provvedano a sminare il porto di Odessa e che la Russia “non approfitterà del processo di sminamento per lanciare un attacco dal mare”.
Il grano potrebbe essere trasportato anche lungo il Danubio, attraverso la Romania o l’Ungheria, o per via terrestre attraverso la Polonia o la Bielorussia. Riguardo alla quantità del grano stoccato in Ucraina, Putin ha precisato che non si tratta di 20 milioni di tonnellate e nemmeno di 6 milioni, come stimano gli Usa, ma probabilmente di 5 milioni. Ma anche se fossero 20 milioni, Putin si è detto sicuro che il problema possa essere risolto.

I commenti sono chiusi.