BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE/2. Mosca, Lega: “In arrivo 300.000 euro per il ‘Maghettone’ e la Provinciale 230”

_Michele Mosca (Consigliere regionale Lega)
Come annunciato lo scorso autunno durante un incontro svoltosi in Provincia, sono soddisfatto di comunicare che – nel corso della seduta di Giunta regionale di questi giorni – su proposta dell’Assessore Marco Gabusi è stata ratificata la Dgr relativa all’approvazione del Piano di investimenti e interventi sulla viabilità, individuando anche le progettazioni finanziate nell’annualità 2022.
Tra le opere di cui la Regione finanzierà la progettazione, trasferendo il denaro alla Provincia, figurano i lavori di messa in sicurezza della SP 230 “Di Massazza” – tratto in Comune di Gaglianico e il lotto di completamento della SP 400 denominata “Maghettone”, per un valore complessivo di 300 mila euro. L’altra tranche di finanziamenti relativa all’allargamento della SP 232 Cossato – Mottalciata e la circonvallazione di Occhieppo Superiore arriverà nell’autunno, ma comunque in tempo utile per dar corso alle procedure di assegnazione entro fine anno.
Con questa Dgr avviamo il percorso di modernizzazione delle infrastrutture biellesi come mi ero impegnato a fare fin dall’inizio del mandato. Purtroppo la pandemia ha rallentato i tempi, ma sono comunque fiducioso che, anche grazie ai fondi del Pnrr e complementari, si possa arrivare quanto prima alla cantierizzazione di queste infrastrutture.
Buone notizie arrivano anche sul fronte dei collegamenti ferroviari, infatti – come promesso – entro il mese di luglio verrà sottoscritto l’accordo di programma per il Trasporto Pubblico Locale, che per i prossimi 10 anni vedrà un investimento di 2 milioni di euro l’anno sulla tratta Biella – Santhià appena elettrificata, propedeutici per le corse dirette tra Biella e Torino che partiranno nel mese di settembre.
Si tratta di un’altra promessa mantenuta, che segna un punto di partenza per garantire servizi migliori ai pendolari che ogni mattina si spostano da e per Biella. Con il lavoro e l’impegno di tanti siamo riusciti a mettere in moto una macchina ferma da anni che, passo dopo passo, contribuirà a traghettare il territorio nel futuro facendolo uscire dall’isolamento che abbiamo patito particolarmente negli ultimi anni.

I commenti sono chiusi.