BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE. Rossi e Ferrara, Pd: “Patentini per Smartphone ai giovani: all’avanguardia contro il cyberbullismo”

La cerimonia della consegna dei patentini per lo smartphone rappresenta un momento importante per i ragazzi, la chiusura di un percorso di costruzione di comunità, di educazione e formazione per una cittadinanza digitale consapevole fondata sulla conoscenza dei pericoli della rete, ma anche sul senso di responsabilità di fronte ai propri coetanei”. Lo affermano il vicepresidente della commissione sanità di Regione Piemonte Domenico Rossi e l’ex parlamentare novarese Elena Ferrara, primi firmatari, rispettivamente, della legge regionale 2/2018 e della norma nazionale 71/2017.
“Un progetto che conferma il Piemonte come regione di riferimento a livello nazionale per la prevenzione e il contrasto al bullismo e al cyberbullismo. Una posizione di avanguardia che va salvaguardata e rafforzata continuando a credere e investire su progetti innovativi” sottolineano dati alla mano: quest’anno in Piemonte sono stati erogati 13.314 patentini ad altrettanti studenti con un progetto che ha coinvolto circa 700 classi e formato 537 docenti.
Nello specifico gli studenti interessati dal progetto sono stati 4.273 nella città metropolitana di Torino, 2.463 nel cuneese, 2.310 in provincia di Novara, 1.259 nel VCO, 866 nell’alessandrino, 700 in provincia di Asti e 574 nel biellese. “All’impegno di questi ragazzi e dei loro insegnanti, l’attenzione che hanno rivolto ad tema centrale nella loro quotidianità in cui reale e virtuale di intrecciano confondendo spesso i confini, deve corrispondere altrettanto impegno della politica e delle istituzioni per dare piena attuazione alla legge regionale così come a quella nazionale” concludono.

I commenti sono chiusi.