BI24_2010/2020_IL “CASO” FUNIVIE DI OROPA/1. Cozzi, Provincia: “Ramella firmi il protocollo, per il bene dell’impianto e del Territorio”

_Barbara Cozzi (Consigliere provinciale)
La riperimetrazione delle strade e la cessione delle strade comunali non ha nulla a che fare con il progetto di riqualificazione della funivia di Oropa e non può essere collegata a tale passaggio. Ricordo che in mancanza di tale finanziamento si rischia un ritardo nei lavori di rifacimento dell’impianto di un anno con grave danno per tutto il territorio biellese e ricaduta negativa sul turismo. Chi ne pagherebbe le conseguenze immediate sarebbero i cittadini che non potrebbero usufruire delle Funivie.
Chi fa il presidente di un Ente Provinciale deve sapere che la questione Funivie e strade non hanno alcuna attinenza e che tale mescolanza non è propria e consona alla presidenza di un ente che deve dialogare in modo istituzionale e non personale. Come consigliere provinciale, avendo sottoscritto tale finanziamento per il ripristino dell’impianto, non posso accettare che tale questione venga posta in questi termini di scambio di atti.
Quello che posso invece dichiarare è che la maggioranza del consiglio provinciale sta chiedendo al presidente Ramella di firmare il Protocollo con il Comune, pertanto un eventuale ritardo o stop dei lavori non sarà imputabile né al Comune di Biella né al consiglio provinciale, ma soltanto al suo presidente. Invito pertanto il Presidente Ramella a ripensarci immediatamente e rendersi parte attiva per sbloccare e firmare tale protocollo con la Regione, al fine di dare il via al più presto a tali lavori di ripristino delle Funivie.

I commenti sono chiusi.