BI24_2010/2020_DAL CAPOLUOGO/4. Inaugurato il progetto “Mail Art Project”: l’importanza di avere cura di sé e cura degli altri

Mercoledì 20 aprile nella chiesa della Santissima Trinità di Biella, si è svolta l’inaugurazione del progetto “Cura di Sé e Cura dell’Altro: Mail Art Project”, organizzato dall’Asl Biella, in collaborazione con gli Istituti Superiori del biellese, Fondazione Pistoletto – Cittadellarte e Fondazione Bonotto. L’evento è stato organizzato grazie alla preziosa collaborazione del Comune di Biella e dell’Assessorato all’Istruzione Pubblica, alle Politiche Giovanili e alle Pari Opportunità. Un’iniziativa dall’indubbio valore creativo e riflessivo che ha visto protagonisti cittadini, personale sanitario, studenti e numerosi artisti, italiani e internazionali, chiamati a rappresentare, attraverso l’arte postale, il tema della cura.
La partecipazione al progetto ha superato le più rosee aspettative degli organizzatori, che sono stati inondati di cartoline provenienti da tutto il mondo. Infatti sono oltre 2.170 le cartoline realizzate nell’ambito della call e tutte verranno esposte presso Fondazione Pistoletto – Cittadellarte a partire da domani, venerdì 22 aprile, fino al 22 magio 2022.
Gli Istituti Superiori biellesi hanno consegnato ben 387 cartoline, mentre 470 arrivano da altri Istituti Superiori italiani e 496 da altre scuole (Accademie, Università; scuole per adulti, scuole medie inferiori). Per quanto riguarda la partecipazione di artisti singoli, “Cura di Sé e Cura dell’Altro: Mail Art Project” vanta la partecipazione di circa 400 artisti provenienti da 33 Paesi del mondo.
L’assessore all’Istruzione Pubblica, politiche giovanili e pari opportunità sottolinea come questa forma di arte abbia riscosso un enorme successo, con le scuole biellesi grandi protagoniste. L’obiettivo era quello di raccogliere testimonianze, esperienze, sensazioni, impressioni e punti di vista su un tema tanto attuale e centrale, anche in relazione al periodo di pandemia che ci ha segnati negli ultimi anni. Una doppia forma di arte: l’artista rimane nell’ombra, ma esprime a 360° il proprio pensiero, usando dalle parole a materiali diversi (bottoni, fili di lana). Una selezione di queste opere verrà proiettata sulle pareti della chiesa della Santissima Trinità. Ogni sera, fino al 22 maggio. In questo modo i biellesi, e non solo, potranno ammirare le bellissime opere realizzate dai ragazzi.

I commenti sono chiusi.