BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE/2. Atc Piemonte Nord: prosegue la raccolta delle domande, per accedere al fondo sociale 2022

Si è aperta, e proseguirà salvo proroghe fino al prossimo 30 aprile, la raccolta delle domande per accedere al fondo sociale anno 2022, il contributo economico che la Regione Piemonte mette a disposizione degli inquilini per coprire parzialmente le bollette non pagate. Il sostegno, vale sottolinearlo, viene erogato l’anno successivo a quello in cui viene effettuata la richiesta. Dagli uffici di Atc Piemonte Nord ricordano che per chiedere il fondo sociale, oltre a essere regolari assegnatari di una casa popolare Atc, occorrono alcuni requisiti tra cui avere un indicatore Isee 2022 non superiore a 6.360,36 euro e aver pagato entro il 30 aprile 2022 le bollette dell’anno 2021 per un importo pari almeno al 14% del reddito percepito nel 2020 (questo importo, la quota minima, non può essere inferiore a 480€); la quota minima può essere pagata utilizzando gli avvisi di pagamento PagoPA allegati alle bollette mensili dell’anno 2021.
La domanda di fondo sociale, scaricabile sul sito http://www.atcpiemontenord.it, può essere presentata in presenza (anche da un delegato) negli sportelli delle sedi di Novara, Gravellona Toce, Biella e Vercelli, nei giorni e negli orari prestabiliti e nel rispetto della normativa anti Covid, oppure la si può trasmettere all’indirizzo e-mail info@atcpiemontenord.it o tramite posta ordinaria. Così dagli uffici di Atc di Novara: “Quest’anno, inoltre, gli inquilini del quadrante possono presentare la domanda anche rivolgendosi al Caf, senza alcun costo”.
Sul sito e sul chat bot tutte le informazioni su prenotazioni, pagamenti e documenti necessari. Tutti i servizi sono agevolmente consultabili e utilizzabili anche da smartphone. “Questi ultimi due anni di pandemia ed emergenza economica non sono stati facili per chi si trovava già in una situazione di fragilità – spiega il presidente dell’Atc Piemonte Nord Marco Marchioni –, invito pertanto, tutti i nostri inquilini che pensano di averne diritto di prenotarsi e presentare la domanda di fondo sociale”.

I commenti sono chiusi.