BI24_2010/2020_DAL CAPOLUOGO/1. Il Comune investe oltre 1,7 milioni di euro, per la manutenzione e la gestione della videosorveglianza

Il Comune di Biella indice una gara europea a procedura aperta per la riorganizzazione, adeguamento, gestione e manutenzione del sistema di videosorveglianza urbana e di controllo accessi in Ztl del territorio comunale, con fornitura e installazione di apparecchiature attraverso formula di noleggio decennale e con servizio di manutenzione per tutta la durata dell’appalto. Il valore della procedura ammonta a 1.792.483 euro. Il Servizio avrà durata di dieci anni decorrenti dalla data di messa in esercizio dell’impianto. Il Comune di Biella ha installato sul territorio comunale un impianto di videosorveglianza e controllo accessi Ztl ormai non adeguato alle finalità di sicurezza urbana. “I motivi sono diversi – spiega il vice sindaco Giacomo Moscarola -. Innanzitutto i dispositivi esistenti non sono in grado di rilevare e riconoscere le targhe dei veicoli in transito, di conseguenza non è possibile interconnettere il sistema con le basi dati ministeriali SCNTT (Sistema centralizzato nazionale per transiti e targhe). Inoltre l’impianto esistente non garantisce la copertura di tutti gli accessi al territorio comunale, mentre alcuni punti ‘sensibili’ dal punto di vista della sicurezza urbana non risultano sufficientemente controllati dai dispositivi esistenti”.
Per la videosorveglianza urbana e rilievo targhe sono stati identificati 53 punti di ripresa, in parte già presenti e facenti parte dell’attuale impianto di sorveglianza, in parte nuovi e oggetto dell’ampliamento del sistema. Tali punti potranno presentare sistemi di videosorveglianza urbana, eventualmente integrato con sistema di rilievo targhe e sarà dotato di una propria alimentazione e di una connessione alla rete dati per inviare le immagini al videoserver, ubicato nella sede della Polizia Locale in via Tripoli. “L’obiettivo che la nostra amministrazione si è prefissato è quello di controllare e monitorare edifici e aree pubbliche, nonché le principali via di accesso alla nostra città, al fine di sorvegliare zone identificate come sensibili o critiche – conclude Moscarola -. In più si potranno prevenire eventi criminosi grazie all’azione deterrente delle telecamere e al controllo delle targhe delle auto in ingresso al territorio sulla base delle segnalazioni provenienti dal sistema SCNTT. Il tutto con una semplificazione e riduzione del personale richiesto per l’analisi delle targhe, mentre oltre alla sala operativa della Polizia Locale, saranno collegate anche le altre Forze dell’Ordine del territorio”.
Nove saranno invece gli ingressi alla città dove avverrà la lettura puntuale della targa. Le informazioni inviate consentiranno un immediato controllo per verificare se il veicolo risulta mancante di regolare copertura assicurativa, revisione, ovvero se è sottoposto a sequestro, se è stato rubato o se compaia nella “black list” delle Forze dell’Ordine. Il Comune di Biella presenta un sistema di controllo accesso in Ztl composto da dodici punti di ripresa, installati su nove varchi. E’ prevista la sostituzione dei dispositivi di ripresa (ove ancora presenti) e l’eventuale riposizionamento. Al momento dell’accesso il sistema verificherà che la rispettiva targa sia inclusa in una lista di utenti autorizzati al transito. nel caso tale requisito non venga soddisfatto, il sistema provvederà alla memorizzazione di tutte le informazioni necessarie alla notifica dell’infrazione. Il termine per la presentazione delle domande di partecipazione o per la ricezione delle offerte è fissato per il 3 maggio 2022.

I commenti sono chiusi.