BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE/1. Mosca e Perugini, Lega: “Firmata convenzione con Università e Ires: nuovi strumenti per l’Autonomia”

E’ stata firmata in questi giorni a Palazzo Lascaris la convenzione tra il Consiglio regionale del Piemonte, l’Università di Torino, l’Università del Piemonte Orientale e l’Ires. L’accordo prevede una cooperazione per la diffusione dei valori dell’autonomia e che favorirà l’organizzazione di iniziative culturali e scientifiche per lo studio del regionalismo e per una sempre più profonda conoscenza delle comunità, dei territori e degli Enti Locali del Piemonte. Oltre al presidente del Consiglio Stefano Allasia, alla cerimonia di sottoscrizione hanno partecipato il consigliere segretario della Lega Michele Mosca e il consigliere del gruppo Lega Salvini Piemonte Federico Perugini.
“Un altro passo fondamentale – hanno commentato i due consiglieri del Carroccio – su una strada che in Piemonte abbiamo tracciato innanzitutto con l’istituzione della commissione permanente dedicata proprio all’Autonomia. Anzi, la collaborazione del sistema universitario piemontese con l’assemblea legislativa regionale conferma che il percorso è sempre meglio avviato. Ora si può solo guardare a un traguardo finale che è uno dei punti più caratterizzanti del pensiero politico della Lega. E che soprattutto è previsto dalla nostra Carta Costituzionale”.
“Grazie all’Università di Torino, all’Università del Piemonte Orientale e all’Ires – continuano Mosca e Perugini – avremo strumenti di ricerca e dati oggettivi per immaginare, elaborare e approvare atti più adeguati ai bisogni dei cittadini in senso federale. Per noi autonomia è responsabilità ed efficienza, insieme a solidarietà e sussidiarietà: tutti capisaldi di un processo istituzionale in divenire. Esserci oggi è stato pertanto una opportunità, e il nostro ringraziamento va al presidente Allasia che con la sua sensibilità istituzionale ha rinforzato una volontà comune. Per un lavoro proficuo che è il futuro già segnato del Sistema Paese”.

I commenti sono chiusi.