BI24_2010/2020_VOCI DA ROMA/1. Il Viceministro Pichetto: “Expo Dubai: da agritech a security, premiati quattro brevetti italiani”

_Gilberto Pichetto (Viceministro Mise)
L’innovazione italiana nei settori agritech e agrifood, cybersecurity, green tech e scienze della vita è stata protagonista della prima giornata dell’Intellectual Property Award, la competizione tra brevetti italiani, al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai. Sono state presentate 20 invenzioni e sono stati assegnati i primi premi in quattro categorie. Nel settore agritech e agrifood, il premio è stato vinto da Università degli Studi di Padova con l’invenzione “peptidi con attività fitosanitaria”, soluzione per ridurre i danni dovuti alla tossicità dei composti pesticidi.
Nel settore cybersecurity il premio è stato vinto da Università degli Studi di Padova con l’invenzione “Ipognac”, tecnologia innovativa di crittografia quantistica. Nel settore green Tech il premio è stato vinto da Università degli Studi di Bologna, con “Re-paper: silica riutilizzabile per decontaminare polpa di carta riciclata”, che promette di innovare il settore del riciclo della carta.
Nel settore Life Science, il premio è stato vinto da Università degli Studi di Torino con l’invenzione “Complesso chimerico e le sue applicazioni terapeutiche nel trattamento del cancro e delle metastasi”, innovazione che ha un grande potenziale nella lotta al cancro. L’obiettivo di Netval è “di valorizzare la ricerca pubblica italiana” e insieme al Mise “è impegnata, come nell’occasione di Expo Dubai, a rafforzare il dialogo tra il sistema della ricerca e mondo industriale”, ha detto Giuseppe Conti.

I commenti sono chiusi.