BI24_2010/2020_DAL CAPOLUOGO/1. Ecco “BiellaFacile”: la nuova ‘app’ che permetterà di dialogare col comune dal telefonino

Alla presenza del sindaco Claudio Corradino, della responsabile del Ced Luana Lazzarin e di Roberto Danieli, del CSI Piemonte (Consorzio per il Sistema informativo) l’assessore all’Innovazione Tecnologica Massimiliano Gaggino ha illustrato, nel corso di una conferenza stampa svoltasi nella sala consiliare di Palazzo Oropa, le novità in tema di digitalizzazione dei sistemi di comunicazione tra amministrazione e cittadini. La pubblicazione on line oggi stesso della nuova web App “Biellafacile” è stata l’occasione per fare una rapida panoramica sulle novità introdotte dal comune.
Gli obiettivi raggiunti in questo ultimo anno sono molteplici: a cominciare dall’introduzione dei pagamenti elettronici per i cittadini con le integrazioni tra il sistema che gestisce le diverse entrate e le piattaforme abilitanti nazionale e regionale (rispettivamente PagoPA e PiemontePay). Questo sistema semplifica di molto le procedure interne di riconciliazione dei pagamenti del cittadino nei capitoli di bilancio corretti, oltre a semplificare la vita dello stesso nell’effettuare sempre più pagamenti in via telematica. Tra questi possiamo citare Tosap, asili nido, case popolari, assistenza domiciliare, aree mercatali, recupero crediti mense scolastiche, concorsi e scuolabus. Inoltre il Ced del comune ha lavorato per garantire adeguati livelli di sicurezza dei servizi e dei sistemi interni all’ente, sostituendo tutti i PC con sistema operativo obsoleto ed avviando la migrazione dei servizi informatici sul nuovo cloud regionale certificato Agid.
Un’altra importante novità è costituita dall’apertura dello Sportello Digitale per la gestione delle domande, delle istanze e la compilazione digitale della modulistica. Il servizio è stato realizzato con la piattaforma ‘Gismaster’ di Technical Design che serve ad erogare servizi on line. Con lo sportello digitale è possibile presentare digitalmente domande di concorso, istanze ai servizi sociali, all’ufficio tributi, ma anche presentare pratiche edilizie e SUAP (partito il 3 gennaio). Tutti questi servizi consentono l’invio delle notifiche sull’AppIO. E in fine veniamo a “BiellaFacile”: una webapp progettata secondo la logica “mobile first” rivolta a tutti i cittadini di Biella. E’ caratterizzata da un accesso riservato con SPID (Sistema Pubblico d’Identità Digitale) o CIE (Carta d’Identità Elettronica) in quanto è in grado di veicolare servizi e informazioni di interesse personale. L’app organizza tutti i servizi digitali del comune e di altri enti che possono essere ritenuti di interesse del cittadino biellese. L’app permette di entrare in una bacheca di accoglienza dove leggere le news della città e può veicolare notifiche ‘push’ sul cellulare o via e-mail quando ci sono avvisi che lo riguardano.
BiellaFacile” è integrato nativamente con PiemonteTu, il sistema regionale già noto a molti cittadini che hanno familiarizzato con i servizi della sanità (Fascicolo sanitario, Piemonte ti vaccina) o su altri temi (pagamento bollo auto, ai servizi per il lavoro o l’educazione). Entrando in biellafacile tutti i servizi regionali sono di facile accesso in modalità ‘single sign on’, ovvero con un unico accesso e senza bisogno di ulteriore autenticazione.
Le dichiarazioni dell’Assessore alla Cultura, Eventi e Manifestazioni Massimiliano Gaggino: “Ogni Comune può diventare un caso virtuoso di amministrazione digitale. Per una città più sostenibile e attenta al benessere dei propri abitanti stiamo lanciando ‘Biellafacile’. Con un gioco di parole potrei dire che non è stato facile. L’App nasce dall’esigenza di dire: tutti i servizi diventano a portata di mano sul cellulare, ma non solo. L’App è anche un vademecum per tanti servizi, notizie con cui il cittadino può interagire. Essendo una webapp la prima volta è necessario digitare http://www.biellafacile.it e quindi si potrà procedere. Il prossimo passo consisterà nell’ampliare il discorso delle notifiche, cercando la possibilità di integrare la nostra App con quella del Governo centrale”.

I commenti sono chiusi.