BI24_2010/2020_DALLA VALLE MOSSO. Valdilana, il bilancio 2021 dell’associazione “Delfino”: quasi 11.000 euro in aiuti economi e alimentari

Circa 11mila euro in aiuti economici e alimentari. E’ il contributo che l’associazione Delfino di Valdilana ha erogato nel corso del 2021 a persone e famiglie in difficoltà economica residenti in paese. Si tratta del “ramo” di attività che il Delfino ha attivato nella rete sociale del territorio: una rete di cui fanno parte anche il Centro ascolto Caritas (col Progetto Paola), il Comune, i servizi socio-assistenziali e altri enti e associazioni, ognuno per le proprie competenze.
«Il nostro obiettivo – spiega il presidente Ernesto Giardino – è sempre quello di garantire una rete di protezione sociale che possa aiutare le persone e le famiglie in difficoltà. Cerchiamo di far fronte alle emergenze che possono presentarsi, come per esempio una spesa medica imprevista, una bolletta che non si riesce a pagare, il bisogno di legna. Ma nello stesso tempo cerchiamo anche, in collaborazione con altri enti, di seguire da vicino questi utenti, così da aiutarli anche a gestirsi meglio, a volte con qualche consiglio, a volte indirizzandoli ai servizi sociali, altre volte anche solo indicando loro le opportunità che vengono offerte dai bandi del Comune, o le agevolazioni sulle bollette. E’ un lavoro che portiamo avanti da anni con i volontari del Centro ascolto Caritas, a cui fanno capo tutte le segnalazioni».
Per quanto riguarda l’impegno economico del 2021, si sono spesi circa 6mila euro in aiuti economici e altre 5mila euro in supporti alimentari. «A questi nostri aiuti vanno poi sommati quelli erogati appunto dai volontari del Centro ascolto e Progetto Paola, con i quali ci confrontiamo tutte le settimane per fare il punto della situazione e prendere in esame i nuovi casi». Nel dettaglio, ecco l’entità economica degli aiuti erogati da Delfino, suddivisi nelle principali tipologie di intervento: circa 1200 per rifornimenti di legna; 3200 euro in bollette di energia e riscaldamento; 950 euro in buoni spesa e buoni benzina; 400 euro di spese mediche; 400 in assicurazioni di auto. A questi si aggiungono poi i 5000 euro spesi per i pacchi alimentari che vengono distribuiti ogni quarto mercoledì del mese, mentre i volontari Caritas li distribuiscono ogni secondo mercoledì.
«Quest’anno gli aiuti economici – precisano i volontari Delfino che gestiscono la rete sociale – sono stati assegnati a una cinquantina di persone. In alcuni casi si è trattato di un singolo intervento, altre volte sono stati erogati anche quattro o cinque aiuti nel corso dell’anno. Del resto, le situazioni sono diverse. Anche i pacchi spesa vengono distribuiti attualmente a una cinquantina di utenti,un gruppo che solo parzialmente si sovrappone a quello precedente». Da ricordare che a settembre viene raccolto e distribuito anche materiale per la scuola, anche questo a beneficio delle famiglie in difficoltà. «Tutto questo – conclude il presidente Giardino – lo possiamo fare grazie alla generosità del territorio: le persone e le aziende che ci aiutano con denaro, e i cittadini e i market che ci aiutano quando facciamo la raccolta alimentare o del materiale scolastico. Li ringraziamo tutti, sono gesti molto importanti per il territorio».

I commenti sono chiusi.