BI24_2010/2020_DALLA REGIONE PIEMONTE/2. Marchioni, Atc Piemonte Nord: “Massima attenzione anche verso il disagio abitativo…”

_Marco Marchioni (Presidente Atc Piemonte Nord)
C’è la massima attenzione, e ci mancherebbe altro, anche nei confronti del disagio abitativo di Gravellona Toce. Ringrazio il sindaco Morandi per aver riconosciuto nella sua lettera aperta ai giornali gli sforzi compiuti dall’Agenzia territoriale per la casa verso molti Comuni del territorio e non soltanto. L’ente che presiedo da poco più di un anno opera nel quadrante delle province di Vco, Novara, Biella e Vercelli e nessuna realtà viene scientemente dimenticata.
Il patrimonio abitativo di Atc, vale sottolinearlo, conta circa 12 mila alloggi ed è naturale che non si riesca a far fronte contemporaneamente alle esigenze di tutti gli inquilini. La crisi economica in atto, peraltro, ha nostro malgrado acuito i problemi e i criteri di definizione dei fondi del Pnrr non sono stati stabiliti da Atc. Gravellona, così come il capoluogo Verbania, risulta avere un indice di disagio abitativo più basso rispetto ad altre città piemontesi.
Voglio, però, rassicurare Morandi e la sua amministrazione: saremo lieti di incontrarlo quanto prima e, ogni qual volta si presenterà l’occasione, Atc interverrà anche nel Comune tocese, magari sfruttando altre fonti di finanziamento, come già stiamo facendo per esempio con il programma del 110%, che prevede opere su due immobili, in via Stampa 33 e in via Ressiga al civico 9, circa 20 appartamenti totali, per il valore di 1 milione, di cui 150-200 mila euro a carico nostro. La riqualificazione della maggior parte degli stabili possibili rappresenta uno degli obiettivi concreti che mi sono posto all’indomani della mia nomina.

I commenti sono chiusi.