BI24_2010/2020_DALL’OSPEDALE. Erica Pizzato è la nuova Referente Aziendale dell’Asl Biella per la Sanità Penitenziaria

La dottoressa Erica Pizzato è stata nominata nuova Referente Aziendale Asl Biella per la Sanità Penitenziaria, nonché sostituto del Responsabile del Presidio Sanitario della Casa Circondariale di Biella. Pizzato, dipendente dell’Azienda Sanitaria di Biella dall’aprile 2021 e attualmente in organico al Pronto Soccorso dell’Ospedale, si occuperà ora anche di assistenza medica in carcere. Specializzata in chirurgia toracica e medico urgentista, la neo Referente Aziendale per la Sanità Penitenziaria biellese ha già alle spalle un’esperienza nell’ambito carcerario di Novara e, prima ancora, proprio di Biella.
«Da parte dell’Asl Biella vi è sempre stata la massima sensibilità verso la sanità penitenziaria. Oltre a garantire la presenza ventiquattr’ore su ventiquattro di un medico di guardia all’interno del carcere, era importantissimo individuare una nuova figura professionale con le caratteristiche appropriate per ricoprire l’incarico di Referente Aziendale – spiega la dottoressa Barbara Bragante, Direttore di Distretto – La ricerca è stata difficoltosa, ma alla fine del 2021 ho avuto modo di conoscere la dottoressa Pizzato che, avendo già maturato esperienze nell’ambito della sanità penitenziaria ed essendo molto motivata, mi è parsa la persona giusta per ricoprire tale incarico».
«In accordo con la Direzione Generale e con quella Sanitaria dell’Ospedale abbiamo perciò provveduto a definire per la dottoressa un percorso di graduale passaggio dall’attività di Pronto Soccorso, che non vogliamo trascurare, a quella di Sanità Penitenziaria – continua Bragante – Ringrazio il dottor Aldo Tua, Direttore della Struttura Complessa Medicina e Chirurgia d’Urgenza ed Accettazione, e il dottor Alessandro Ubertalli Ape, Responsabile del Pronto Soccorso, per la loro collaborazione nell’agevolare il passaggio: l’obiettivo è assegnare prossimamente Pizzato alla sanità penitenziaria a tempo pieno».
Sempre in tema sanità penitenziaria, in questi giorni sono aperti i termini di un bando di concorso da parte dell’Asl Biella per l’assunzione di un Dirigente Medico da destinare anch’esso alla Casa Circondariale di Biella. «Assumo questo incarico con responsabilità e motivazione, visto che la Casa Circondariale di Biella è la seconda in Piemonte per numero di detenuti – afferma Pizzato – In questo percorso mi piacerebbe coinvolgere le varie specialità cliniche di questa Azienda Sanitaria e creare una collaborazione sempre più orientata alla telemedicina, come già dimostrato da alcuni progetti recenti portati avanti dall’ASLBI».
«All’interno della Casa Circondariale potrò contare sull’apporto di un gruppo di infermieri dedicati e una caposala dipendenti dell’Asl Biella, una forza lavoro importante – conclude Pizzato – Personalmente cercherò di dare la mia impronta nell’innovazione da un punto di vista organizzativo e tecnologico, all’interno di una struttura già dotata di recente di strumentazioni all’avanguardia».

I commenti sono chiusi.