BI24_2010/2020_VOCI DA ROMA/4. Gastaldi, Lega: “Edilizia: no al ‘balzello’ nel Sostegni Ter, che rischia di fermare i cantieri…”

_Flavio Gastaldi (Deputato Lega)
Condivido l’appello di Ance Piemonte e Confartigianato Cuneo che vedono con apprensione il rischio di stallo dei cantieri edili in base alla bozza al Decreto Sostegni Ter; in particolare l’art. 26 potrebbe determinare una nuova stretta anti-frodi sui bonus edilizi limitando la cessione dei crediti. Ben comprendendo quanto sia importante intervenire nella catena di cessione dei crediti che negli ultimi tempi ha dato luogo a frodi importanti, ritengo che non sia questa l’unica strada per contrastarne la crescita. In questo modo il rischio è che si vanno a colpire le piccole imprese serie che avevano da poco messo a punto accordi con istituti di credito del territorio che di fatto ora, vedendosi precludere la possibilità di cedere a loro volta il credito acquisito, non credo abbiano la possibilità di incamerare tutto ciò che ad oggi è già contrattualizzato.
Ho subito richiesto al Dipartimento Economia della Lega di attivarsi per proporre un emendamento al testo in fase di conversione che allontani totalmente il rischio di un danno al settore. Emendamento che auspico verrà ampiamente condiviso dalle altre forze politiche di maggioranza e che si aggiunge a misure importanti approvate nel Decreto e già sostenute dalla Lega (quali 1,6mld per le attività in crisi, 390mln per le sale da ballo, 100mln per il turismo, sostegni alle imprese per il caro bollette e 50mln per la filiera suinicola per i danni Psa). Il rischio da scongiurare è quello di bloccare i cantieri e recare un danno importante alle aziende già duramente provate dal caro energia, dall’aumento dei prezzi delle materie prime e dalla difficoltà dell’approvvigionamento dei materiali.

I commenti sono chiusi.