BI24_2010/2020_DAI CARABINIERI/2. Biella: minaccia la barista per avere da bere, pregiudicato 38enne di Chiavazza in manette

Va bene provare piacere a farsi un paio di aperitivi con gli amici; va bene l’ebbrezza, talvolta simpatica, che l’alcol provoca in coloro che ne fanno uso. Ma quando il bere diventa un vizio, una necessità e si trasforma in ‘demone’, allora… non va più bene. E bisogna farsi aiutare.
Si spera lo abbia capito il 38enne di Chiavazza, volto già ben conosciuto alle Forze dell’Ordine, che nei giorni scorsi è stato arrestato dai Carabinieri, per aver minacciato la barista di uno dei locali più conosciuti del centro del nostro capoluogo.
L’uomo, quando la donna gli ha comunicato che, visto il suo stato già decisamente troppo alterato, non gli avrebbe più servito da bere, ha infatti brandito un coccio di bottiglia e, dopo essersi infilato dietro al bancone, l’ha minacciata, aprendosi subito dopo una bottiglia di vino per sgolarsela senza alcun indugio. E senza alcuna intenzione di pagare.
Mentre il pregiudicato si… dissetava, purtroppo per lui, è però giunta in loco una pattuglia dei Carabinieri e visto il suo stato ed i suoi gesti, ai militari non è rimasto altro che renderlo inoffensivo, per poi stringergli le manette ai polsi. Gli hanno sequestrato un coltello che aveva in tasca ed dovrà rispondere del reato di estorsione.

I commenti sono chiusi.