BI24_2010/2020_DAL COSSATESE. Revello: “Seab e Rosetto, stanno cercando di rovinare il Natale dei cittadini di Cossato…”

_Stefano Revello (consigliere Cossato)
La Seab del Presidente Rossetto si prodiga per guastare la serenità Natalizia dei Cossatesi con la terza emissione di bollette in 5 mesi! L’ultima pesante bolletta con rincari imbarazzanti dovuti proprio alla disastrosa gestione Tarip di Moggio e Corradino. Un cumulo di fatture Seab che risulta irregolare perché emesse in difformità al regolamento della Tarip che prevede solo 2 emissioni nell’anno (acconto e saldo). Diciamo a Moggio, svegliati! Muoviti! Non puoi pensare solo ai guai giudiziari del tuo amico Corradino, devi fare il sindaco e tutelare i cittadini di Cossato! Non puoi permettere che queste vessazioni da caro bolletta e che questo disastroso recupero crediti avvenga solo a Cossato! La tua maggioranza e l’intero Consiglio Comunale ti hanno indicato il percorso. Il regolamento comunale è stato modificato, perché il recupero crediti che avviene solo su Cossato è eccessivo e senza giustificazioni né altri esempi nello scenario nazionale delle aziende di pubblici servizi locali.
Seab sta colpendo così duramente solo ed esclusivamente i cittadini Cossatesi. Perchè? Ancora una volta tocca a noi difendere i cittadini di Cossato vessati da questa pioggia tossica di raccomandate e telefonate che pretendono oltre ai mancati pagamenti delle bollette anche spese legali sproporzionate autorizzate preventivamente dal Cda di Seab. Un affidamento diretto ancora tutto da verificare in termini di legittimità e reale efficacia nei confronti dell’utenza proprio perché avvenuto con il frazionamento dello stock del credito. Va con urgenza verificato dal Comune di Cossato e da Cosrab che non si tratti di una pratica elusiva che non sarebbe consentita dalla legge sui contratti pubblici (Art. 29 Dlsg 163/2006). Diciamo ancora a Moggio di svegliarsi e di pretendere con urgenza da Seab, a tutela dei Cossatesi, il rispetto del Regolamento Tarip così come modificato il 25.11.2021 dal Consiglio Comunale.
Per le richieste successive a tale data Seab si deve adeguare al nuovo regolamento ed inviare il sollecito senza aggravio di spese. Seab è il gestore della Tarip ed è inaccettabile che non sia in grado di gestire la fatturazione del servizio dovendo ricorrere ad affidamenti esterni e soprattutto non si adegui al Regolamento Tarip cui invece è tenuta. Abbiamo inoltre notizia diretta che la Npl Management sta diffidando i Cossatesi con raccomandate e telefonate a tappeto per i pagamenti delle bollette scadute al 31 luglio e 31 agosto scorso. Si tratta di due emissioni che non farebbero parte del già contestatissimo affidamento diretto conferito da Seab a Npl. Anzi sarebbero espressamente escluse nella lettera di incarico che ci è stata consegnata dove sono indicate come affidate 2586 posizioni creditizie.
Ancora una volta una lettera di affidamento non chiara, che indicherebbe aggiornamenti “in corso d’opera” del portafoglio crediti da trattare che modificherebbero, incrementandolo sostanzialmente, l’importo economico dell’affidamento mano a mano che vanno a scadenza le nuove fatturazioni. Modalità assai discutibili che vanno verificate con urgenza! Chiediamo al sindaco Moggio di chiedere immediatamente al Presidente di Seab perché questo stia succedendo anche dopo la modifica del Regolamento e perché sempre e solo a Cossato con tanta ingiustificata aggressività. Lo invitiamo ad intervenire immediatamente e bloccare queste richieste su posizioni che non risulterebbero affidate a Npl e che stanno creando ulteriore ansia e preoccupazione sia per le modalità sia per gli importi enormemente maggiorati dalle spese legali.

I commenti sono chiusi.