BI24_2010/2020_CAPOLUOGO/2. Per questo Natale il Villaggio Lamarmora si unisce a favore dell’organizzazione no profit Angsa Biella

Angsa Biella (Associazione Nazionale Genitori Persone con Autismo) è una associazione di volontariato nata nel novembre 2007 dall’esigenza di coordinare le risorse del territorio rispetto all’autismo e valorizzare le diverse esperienze provinciali e locali. In particolare, Angsa Biella opera sul territorio raccogliendo fondi per sostenere La Casa per l’autismo di Candelo, centro privato in cui sono seguiti circa 80 bambini/ragazzi con autismo, promuove la formazione di operatori e insegnanti, supporta le famiglie, sensibilizza sull’autismo.
«Un progetto creativo basato sul riciclo» spiega Narcisa Coda Zabetta, titolare del “Caffè Amici” di via Piemonte a Biella. «Ogni volta che sviluppo un progetto resto sempre stupita dalla collaborazione dei cittadini biellesi. Anche questa volta molte attività, residenti e clienti hanno partecipato aiutandomi nella produzione, fornendo i materiali o nell’esposizione». I protagonisti saranno i Bambini, saranno delegate quasi interamente a loro le decorazioni degli addobbi Natalizi. «Credo in futuro migliore – aggiunge – e dobbiamo dimostrare ai bambini che unendoci possiamo fare la differenza». Le decorazioni verranno poi vendute in vari punti della provincia, sarà una vendita benefica e verrà richiesta un’offerta a favore dell’iniziativa.
«Creatività, tutela dell’ambiente e pari opportunità sono i punti chiave di ogni mio progetto, punti sostenuti anche dalla giunta comunale, che ringrazio per averci dato il patrocinio e sostenuti in tutti i modi possibili, a partire dal Sindaco di Biella Claudio Corradino, dall’assessore Barbara Greggio e da Alessio Ercoli che vive da sempre nel quartiere del Villaggio Lamarmora e con il quale collaboriamo da tempo su diversi progetti. Ci tengo a ringraziare profondamente Angsa Biella per avermi dato l’opportunità di collaborare con loro. Un grazie anche al liceo artistico di Biella che ha partecipato alla creazione degli addobbi».
«È importante ed è positivo questo connubio tra le realtà commerciali della città e l’educazione e l’istruzione – afferma l’assessore di Biella al Commercio e Sviluppo Economico, Attività Produttive, Turismo e all’Unesco, Barbara Greggio – perché i giovani iniziano così a dimostrare che hanno appreso il grande messaggio dell’Unesco, che ha contraddistinto Biella come Città Creativa a favore del riciclo. In particolare è molto bello che questo progetto sia proprio nato dalla collaborazione tra le scuole e i commercianti: hanno saputo dimostrare di fare squadra e che la creatività è stata davvero messa in rete nel modo più nobile e importante di questo termine».
A partire dal 1 dicembre, nelle seguenti attività si potranno acquistare le decorazioni natalizie il cui ricavato sarà devoluto a La Casa per l’Autismo di Candelo tramite Angsa: “Caffè Amici” di Narcisa Coda Zabetta a Biella in via Piemonte, 19. “La Fenice Atelier Artistico” di Alessandra Costalunga a Occhieppo Superiore in via San Giovanni, 2. “Panificio Acqua e Farina” di Giovanni Coda Zabetta a Candelo in via Cerventi, 26. “Il Fiore” di Patrizia Taglioretti a Gaglianico in via Antonio Gramsci, 15. “Merceria Due Punti” di Santina Scola ad Andorno Micca in via Cavalieri di Vittorio Veneto, 38. La tabaccheria di Pavignano di Monica Bortolin a Biella in via Alfonso Ogliaro, 33. Angsa Biella venderà anche al Borgo di Babbo Natale a Candelo il 4 e 5 dicembre. Sul sito di Angsa Biella verranno pubblicate tutte le date dei mercatini e le attività aderenti all’iniziativa.

I commenti sono chiusi.