BI24_2010/2020_IL MONDO VISTO DA BIELLA. Sandro Delmastro: “La Cop26 ai tempi supplementari, ma niente accordo contro i combustibili fossili”

_Sandro Delmastro delle Vedove
Dopo due settimane di discorsi interminabili, tavole rotonde e bracci di ferro, la COP26 ha dovuto essere prolungata di un giorno nel tentativo di raggiungere il consenso minimo per un comunicato congiunto. La dichiarazione proposta il 12 novembre dagli organizzatori, nella persona del presidente della COP26, Alok Sharma, includeva una sezione annacquata che impegnava le parti firmatarie solo ad accelerare “gli sforzi verso l’eliminazione graduale e continua dell’energia a carbone e dei sussidi inefficienti ai combustibili fossili, riconoscendo la necessità del sostegno verso una giusta transizione”, senza menzionare una scadenza o quantità specifiche. Ma anche questo è stato contestato. Alla sessione del 13 novembre, il ministro dell’ambiente indiano, Bhupender Yadav, ha nuovamente protestato contro la richiesta per i Paesi in via di sviluppo di impegnarsi ad eliminare l’uso del carbone e a smettere di sovvenzionare qualsiasi combustibile fossile.
La sua posizione è stata echeggiata da Cina, Sudafrica, Nigeria, Iran, Venezuela e Cuba, secondo il Times of India. Alla fine, il termine “eliminazione graduale e continua dell’energia a carbone” è stato cambiato in “riduzione graduale”. Così, i banchieri, i finanzieri e i reali che promuovono il “Grande Reset” non sono riusciti ad intimidire le grandi nazioni e a costringerle ad accettare l’abbandono dei combustibili fossili, dei fertilizzanti, dell’energia a basso costo, ecc. Di conseguenza, un Alok Sharma descritto come “in lacrime”, si è “scusato” il 13 novembre “per il modo in cui questo processo si è svolto”. “Sono – ha detto – profondamente dispiaciuto. Capisco anche la profonda delusione, ma penso che, come avete notato, è anche vitale che proteggiamo questo pacchetto”. John Kerry, inviato degli Stati Uniti per il clima, è scattato dicendo che non ha apprezzato la correzione, ma che questa andava fatta.
“Accetterò la riduzione e riprenderò la lotta il prossimo anno”. Il ministro dell’ambiente indiano ha giustamente sottolineato, come hanno fatto anche i leader cinesi, che i combustibili fossili hanno permesso al mondo, in particolare alle nazioni industrializzate, di “raggiungere un alto livello di ricchezza e benessere”. Anche le nazioni più povere hanno il diritto “alla loro giusta parte del bilancio globale del carbone” e all’uso di tale energia in modo responsabile, ha detto. “I Paesi in via di sviluppo devono ancora raggiungere i loro obiettivi di sviluppo e l’eliminazione della povertà. A tal fine, i sussidi forniscono la sicurezza sociale e il sostegno necessari”.
A questo proposito, l’India e altre nazioni in via di sviluppo, anche in Africa, hanno anche insistito affinché i Paesi sviluppati mettano finalmente a disposizione di quelli più poveri – e li aumentino – i 100 miliardi di dollari all’anno di fondi per la transizione che hanno promesso e mai dato. Ora, dato il rifiuto di così tanti governi di accettare il nuovo “colonialismo verde”, la rete di 450 imprese e società finanziarie che Mark Carney ha messo insieme – la GFANZ (Glasgow Financial Alliance for Net-Zero) – tenterà senza dubbio di raggiungere i suoi obiettivi attraverso la guerra finanziaria, il taglio degli investimenti e mezzi simili.

I commenti sono chiusi.