BI24_2010/2020_IN FORMA CON DAVIDE. Diete “alla moda” o alimentazione corretta?

_Davide Moioli (Personal Trainer)
Più o meno in tutti i campi e per svariate ragioni, molte persone tendono a dare più credito alle convinzioni e alle congetture di un singolo o di un determinato gruppo di individui, piuttosto che alle evidenze scientifiche. Se un tempo la causa primaria poteva essere la scarsa informazione, nell’era di Internet si assiste invece ad una sovrabbondanza di (dis)informazioni.
Il guru imbonitore, la teoria della “cospirazione”, il metodo “definitivo” fanno tutti leva sui medesimi meccanismi psicologici, spesso poco o per nulla consapevoli: il non dover assumersi troppe responsabilità (il maestro, il gruppo, il metodo “pensano” al posto mio); la soluzione facile e veloce (a problemi in realtà infinitamente più complessi); la persuasione di aver trovato un “Santo Graal” (alternativo ad un comune buon senso percepito come fin troppo semplice e scontato); la presunzione, data dall’aver letto nella migliore delle ipotesi un paio di libri, di saperne come e anche più degli addetti ai lavori (in questo caso Medici, Dietologi, Nutrizionisti e Dietisti); la sensazione di far parte di una più o meno ristretta élite (che ha capito tutto).
Ecco allora che, anche in campo alimentare, tanti si affidano all’ennesima “dieta del momento” che promette miracoli… proprio gli stessi “miracoli” che avevano promesso e puntualmente disatteso tutte le altre mode alimentari venute prima. In principio furono la Fruttariana, la Fletcher e la Dissociata; più tardi arrivarono la Pritikin e la Atkins, poi
la Dieta a punti, quindi la Scarsdale e la Beverly Hills; finché dagli anni ’90 ai giorni nostri, è stato un susseguirsi frenetico di alimentazioni eccentriche, un fermento senza precedenti di stramberie nutrizionali partorite dal guru “insonne” di turno: Zona, Cronodieta, Dieta del gruppo sanguigno, Dukan, Cheto, Paleo, Lemme, Dieta 5:2 o Fast Diet (digiuno intermittente), ABCDE, HPO, Supermetabolismo, Metabolica, Tisanoreica, South Beach, Carb Lover’s, dieta della banana, del carciofo…soltanto per nominare le più note.
Di queste, la Dissociata e la Cronodieta, se seguite da persone perfettamente sane, probabilmente non presentano particolari effetti collaterali. Le altre sono bizzarrie prive di qualsiasi base scientifica, ma in molti casi tutt’altro che prive di rischi. Ovviamente non è questa la sede per fare un’approfondita disamina di tutte le suddette diete, forse non basterebbe un libro, ma credo possa essere utile fornire almeno qualche piccolo spunto di riflessione. Alcuni di questi modelli alimentari non sono neppure…

Per leggere l’articolo completo: https://www.davidemoiolitrainer.it/blog/

I commenti sono chiusi.