BI24_2010/2020_IN POCHE PAROLE. Felice Vecchione: “Il povero Ennio è ancora fuori da casa sua. Le rom sono tornate e lo hanno derubato…”

_Felice Antonio Vecchione
Sigarette spente, escrementi di cane, danni: così Ennio Di Lalla di Roma ha ritrovato la sua casa occupata da una donna di etnia Rom. La Legge italiana non vale niente… Con un sequestro in corso, il povero Ennio non è potuto entrare nella sua casa, mentre le Signore sono potute entrare a prendere le loro cose! Così facendo, hanno permesso che al povero Ennio portassero via tutti gli effetti personali… Forza Ennio! Tutta la mia solidarietà per questa povera persona.

I commenti sono chiusi.