BI24_2010/2020_LA QUESTIONE. Banchi a rotelle: se i 5Stelle biellesi attaccano Delmastro e cercano di difendere Azzolina…

_DAL MOVIMENTO 5 STELLE BIELLA
La vicenda delle sedie innovative con le rotelle buttate nei rifiuti da un liceo di Venezia è doppiamente surreale e scandalosa, dal punto di vista sostanziale e dal punto di vista politico per l’uso che il parlamentare biellese di Fratelli d’Italia Andrea Delmastro ne ha fatto. Inarrivabili vette di assurdo sono state raggiunte con le immagini delle sedie nuove di zecca buttate con gli ingombranti in una chiatta della laguna, con tanto di foto, pubblicità giornalistica e attacchi alla ex ministra Azzolina. Per fortuna la verità viene a galla: le sedie erano state ordinate dalla precedente dirigente ora in pensione che si dice sconcertata dalla decisione della nuova preside. Ora l’Ufficio Scolastico Regionale del Veneto avvierà una indagine perché nessun bene pubblico può essere rottamato senza delibere del Consiglio d’Istituto e una procedura di discarico dall’inventario. Figurarsi degli arredi nuovi di zecca pagati con soldi pubblici!
E qui interviene la seconda parte della vicenda, quella politica.Andrea Delmastro scrive prontamente un post sulla vicenda veneziana. Per stigmatizzare l’atto della scuola veneta? Nemmeno per sogno, per prendere di mira Lucia Azzolina! Lo spreco di denaro pubblico testimoniato dalla foto secondo l’esponente di Fratelli d’Italia non era responsabilità della scuola ma della ex ministra! L’avvio dell’ennesima campagna d’odio aveva immediato effetto con l’arrivo di centinaia di commenti indegni contro la parlamentare biellese del Movimento 5 Stelle. Delmastro ha anche potuto bearsi per qualche ora del consenso dei suoi sodali e di tanti cittadini disinformati ma, come si è detto, la verità sta venendo a galla e non dubitiamo che i tanti cittadini che ragionano con la propria testa non tarderanno a trarre le dovute conclusioni. E’ il caso che Andrea Delmastro cominci a meditare su un nuovo post…di scuse ai cittadini!

I commenti sono chiusi.