BI24_2010/20_IL MONDO VISTO DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Sotto attacco in Germania lo schema UE dei dazi sulla CO2”

_Sandro Delmastro delle Vedove
In una riunione del Consiglio economico della CDU il 31 agosto, il leader democristiano tedesco Friedrich Merz, potenziale ministro dell’economia in un nuovo governo guidato dalla CDU dopo le elezioni politiche del 26 settembre, ha attaccato i piani della Commissione europea per introdurre dazi speciali di importazione sui cosiddetti prodotti “dannosi per il clima”. La tassa colpirebbe principalmente la Cina, ma anche altri paesi in via di sviluppo. Se tale misura venisse introdotta, ha detto Merz, “non sarebbe solo la fine della politica di libero scambio, sarebbe l’inizio di un nuovo conflitto commerciale mondiale che vedrebbe solo perdenti”.
Quindi, ha proseguito, il nuovo governo dovrà fare di tutto “per impedire questa assurdità che si sta progettando nella Commissione europea – purtroppo sotto la guida di un presidente tedesco della Commissione”, cioè Ursula von der Leyen.Tenendo conto del background di Merz come AD della filiale tedesca di Blackrock International dal 2016 al 2020 e dei suoi collegamenti con le élite economiche e finanziarie transatlantiche, l’attacco ai piani della Commissione sembra riflettere la valutazione di quei circoli che né la tassa al confine né il più ampio schema da discutere al vertice sul clima COP26 siano percorribili nel prossimo futuro.
Le osservazioni di Merz lo mettono anche in opposizione ad un passaggio del programma elettorale della CDU che approva i piani della Commissione e la COP26.n Solo una settimana fa, il candidato cancelliere della CDU Armin Laschet ha nominato Friedrich Merz membro della sua “squadra di esperti” (equivalente a un gabinetto ombra), per “far valere la propria esperienza economica”. Questo di per sé è degno di nota, poiché Merz aveva perso il voto per la presidenza della CDU contro Laschet in gennaio per un margine di soli 55 voti. Merz è passato in secondo piano, il che ha permesso a Laschet di raccogliere un sostegno schiacciante, anche dai sostenitori del suo ex avversario, per la candidatura a cancelliere.

I commenti sono chiusi.