BI24_2010/20_DALLA REGIONE PIEMONTE. Sostegno alle imprese colpite dal parassita del riso, anche grazie al lavoro dei consiglieri della Lega

L’assessorato all’Agricoltura ha pubblicato un bando che stanzia 210mila euro a sostegno delle imprese agricole colpite dal nematode galligeno, parassita del riso che sta devastando le coltivazioni del Piemonte Orientale. Un contributo per il quale si erano battuti anche il presidente leghista della commissione Ambiente, eletto nella provincia di Vercelli, e il consigliere del Carroccio di Novara che siede in commissione Agricoltura. Chiedendo l’inserimento urgente di un ordine del giorno sul tema, i due esponenti leghisti, d’accordo con l’assessore all’Agricoltura, avevano infatti ottenuto parere favorevole ai criteri per l’assegnazione di contributi da destinare a microimprese o a piccole e medie imprese agricole che hanno patito un calo della produzione o hanno dovuto affrontare maggiori costi di controllo e disinfestazione a causa della proliferazione del nematode galligeno. Un’azione in difesa di una delle grandi eccellenze piemontesi nel mondo che aveva anche ricevuto il plauso del consigliere della Lega eletto in provincia di Biella e membro dell’Ufficio di Presidenza di Palazzo Lascaris. Lo stanziamento di 210mila euro è stato calcolato sulla base delle spese sostenute dai risicoltori nel 2020 e in relazione alla superficie colpita dal parassita, pari a 103 ettari. Il bando, che scade il 17 settembre, è pubblicato sul sito della Regione al link https://bandi.regione.piemonte.it/contributi-finanziamenti/contributi-lotta-obbligatoria-al-nematode-galligeno-riso.

I commenti sono chiusi.