BI24_2010/20_DALLA VALLE CERVO. Miagliano: “Storie di Piazza” porta sul palco la giovane aspirante cantante Didì Garbaccio

Una stagione ricca ma con numerose variabili, quella proposta da Storie di Piazza APS con il progetto Storie Biellesi 2021 inserito negli eventi della Rete Museale Biellese, e sostenuto grazie alle offerte del numeroso pubblico e al contributo di Fondazione CR Biella, CR Torino e il patrocinio della Provincia di Biella e ATL. Le variabili sono state dettate dal momento storico confuso ma anche dagli incontri casuali che la vita può riservare. Uno di questi è un provino sostenuto da una giovane attrice Girleine (Didì) Garbaccio Bogin per il ruolo di Floriana, per la mostra “Biella incontra Oropa” a Palazzo Ferrero (Mostra visitabile fino al 19 settembre).
“Abbiamo ricevuto circa 170 richieste da tutta Italia, per i 5 ruoli dei video della mostra, con i testi scritti dal professor Pier Francesco Gasparetto – dice la regista Manuela Tamietti – e per il ruolo della direttrice del coro del Piazzo ambientato nel 2020, tra i 40 giovani volti di attrici cantanti aspiranti al ruolo, ci ha colpito tantissimo questa performance particolare, di una ragazza brasiliana molto talentuosa”.
L’equipe di Palazzo Ferrero, capitanata da StileLibero, non ha avuto dubbi e la scelta è ricaduta su questa giovane, domiciliata a Milano ma residente in Valdilana: Didì Garbaccio Bogin, e… da cosa nasce cosa per cui è stato interessante per Storie di Piazza proseguire la conoscenza con il supporto e la complicità di Amici della lana e del Comune di Miagliano, da cui l’idea di presentare il primo spettacolo di Didì, Calimera piccola e nera, aspirante cantante, scritto e prodotto da lei stessa, a Miagliano il 20 agosto 2021 alle h. 21. Lo spettacolo non avrà limitazioni di green pass essendo nell’Ecoteatro all’aperto P408, anfiteatro realizzato grazie ai finanziamenti del Gal, montagne biellesi. Ingresso 10 euro, ridotto per associati.
Il testo del monologo è vincitore del Safest, premio nazionale giovani realtà del teatro e ha ricevuto una menzione speciale grazie alla tematica di attualità: racconta clichè, situazioni imbarazzanti, storie divertenti, ma che fanno riflettere, di una ragazza dalla pelle scura che con ironia e semplicità, dà corpo a se stessa e all’altra creatura, ispirata ad un piccolo antieroe della nostra infanzia: Calimero, piccolo e nero, appunto. Un Monologo, necessario, brutale, esigente, che vuole narrare una tematica forse poco raccontata a teatro o quanto meno non affrontata in maniera diretta da una persona di colore. Girleine è una ragazza della seconda generazione che come altre ragazze della sua età sente ancora tanta diffidenza e paura verso tutto ciò che è sconosciuto e diverso. Calimera piccola e nera, aspirante cantante vedrà Didì Garbaccio alle prese con la recitazione ma anche con il canto: Patty Pravo è il suo idolo e Calimero e Patty sono due poli opposti, nero e bianco, che s’incontrano , s’intrecciano, si contaminano per dare origine ad uno spettacolo originale.
Attenzione però a non confondere Girleine con Sirleine, la sorella minore, cantautrice! Le due sorelle sono molto unite ma molto diverse. Didì autrice e protagonista del monologo è neodiplomata alla Civica Accademia di Arte Drammatica “Nico Pepe” di Udine ed è studentessa di Linguaggio dei Media e della Comunicazione presso l’Università Cattolica di Milano; Sirleine, la minore, è cantautrice e ha recentemente inciso il Cd “Radici Profonde”, presentato ai media durante il lockdown. Due talenti del nostro territorio da conoscere, scoprire e apprezzare! Spettacolo alle ore 21, previa prenotazione al numero 320 0982237 e amicidellalana@gmail.com.

I commenti sono chiusi.