BI24_2010/20_IL MONDO VISTO DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Perché agli elefanti piace la plastica ed alle balene il petrolio?”

_Sandro Delmastro delle Vedove
In un webinar della LaRouche Organization il 9 luglio, Jason Ross dell’équipe scientifica dello Schiller Institute ha affrontato le accuse ambientaliste contro il progresso umano causa di inquinamento, sostenendo che non solo sono scientificamente sbagliate, ma frodi deliberate destinate a cambiare il modo in cui la società si sviluppa – o piuttosto, non si sviluppa. Ecco una versione abbreviata di alcune sue osservazioni. Dicono che la plastica faccia male all’ambiente. Beh, in realtà la plastica è molto buona. Se chiedete agli elefanti, la plastica è meravigliosa. Nel 1800, decine di migliaia di elefanti venivano uccisi ogni anno per inviare zanne d’avorio alle fabbriche britanniche di posate. In Europa e negli Stati Uniti insieme, si consumavano 100.000 chili di avorio ogni anno, ovvero le zanne di 160.000 elefanti, alla fine del XIX secolo.
Che cosa è successo? Una carenza di elefanti? In parte. Ma la cosa più importante è stata la plastica. Non c’è bisogno di uccidere un elefante per prenderne le zanne se si può semplicemente usare la plastica per fare palle da biliardo o manici di coltello. La plastica ha salvato gli elefanti. La plastica ha salvato le tartarughe. Niente più gusci di tartaruga per pettini, montature di occhiali e cose di questo genere. Milioni di tartarughe sono state uccise per fare cose che ora si possono fare con la plastica. Quanto al divieto delle cannucce e la guerra ai sacchetti di plastica, meno dell’1% dei rifiuti di plastica negli oceani è costituito da sacchetti di plastica. Qualsiasi altra cosa oltre ai sacchetti di plastica richiede più risorse. Molta della plastica di cui la gente si preoccupa è finita nell’oceano perché l’abbiamo spedita nei paesi sottosviluppati e più poveri, da dove finisce nell’oceano. Quindi, l’idea che salveremo il pianeta vietando le cannucce è ridicola. Il modo per mantenere gli oceani puliti è lo sviluppo.
Che tipo di smaltimento dei rifiuti esiste nelle nazioni povere? Lo sviluppo è il modo in cui si può avere un ambiente pulito. Non c’è contraddizione, anzi, è proprio il contrario. Parliamo del petrolio e dell’uso della terra. Quando gli Stati Uniti hanno smesso di usare muli, cavalli e altri animali da tiro per il lavoro nelle fattorie e hanno cominciato ad usare invece trattori, mietitrebbie e mietitrici abbiamo liberato un sacco di terreni che servivano solo a coltivare cibo per gli animali. La dimensione di questi terreni negli USA era pari a quella della California! Ecco quanta terra non dovevamo più dedicare a produrre essenzialmente il carburante per alimentare un cavallo. Invece, si usa il petrolio per alimentare un trattore. Molto più efficiente, densità energetica molto più alta. Un altro esempio: le balene.
Nel 1975 Greenpeace allestì una grande messa in scena opponendosi alla caccia alle balene e inseguendo eroicamente le navi baleniere. A metà del 1800, producevamo 600.000 barili di grasso di balena all’anno. La gente amava il grasso di balena: bruciava pulito, ci si potevano fare le candele, si poteva bruciare direttamente. Ma nel 1900, la caccia alle balene era diminuita del 90%. Perché? Per via del petrolio. È molto più efficiente estrarre il petrolio dalla terra, che cacciare le balene e fonderne il grasso per fare l’olio. La caccia alle balene stava già cessando quando Greenpeace fece un gran casino. Non l’hanno fermata loro: ciò che l’ha fermata è stato il fatto che non c’è bisogno di cacciare le balene per cose che si possono fabbricare diversamente e anche meglio.
Consideriamo la pesca, in generale per la produzione alimentare di massa. Oggi, la pescicoltura produce la metà del pesce consumato sul pianeta. In effetti, è un po’ strano che andiamo a cacciare i pesci negli oceani: non cacciamo polli o mucche, li alleviamo. Non cacciamo la lattuga, né andiamo a cercarla. La coltiviamo in un orto. Quindi, c’è una trasformazione, dal cercare le risorse in natura al produrle noi stessi. Ecco perché i limiti delle risorse sono davvero un’idea immaginaria. Siamo in grado di produrre cose in modi nuovi.

I commenti sono chiusi.