BI24_2010/20_DAL CAPOLUOGO/1. Niente progetti biellesi per i fondi nazionali: Corradino si prende tutte le responsabilità. E prepara il rimpasto di Giunta…

There’s a trouble in Paradise?”. Letteralmente: ci sono problemi in Paradiso? Pare proprio di sì, in quella parte di cielo sotto cui ci sta la città di Biella. Dopo due anni di tarallucci e vino, infatti, dopo che è stato reso noto che nessun progetto del capoluogo è stato presentato per il programma nazionale di fondi per la qualità dell’abitare, il sindaco Claudio Corradino si è preso tutte le responsabilità. E subito dopo, come potete leggere, ha annunciato un bel rimpasto di Giunta…
“In qualità di sindaco della Città di Biella, nel ruolo che ricopro a capo della giunta comunale, mi assumo ogni responsabilità politica,
benché non direttamente coinvolto nelle scelte degli assessori competenti per materia, di quanto accaduto relativamente ai fondi del Programma nazionale della qualità dell’abitare – è infatti il commento di Corradino –. Proprio in virtù di quanto accaduto ho deciso di accelerare la revisione generale delle deleghe in capo agli assessori. Per migliorare l’efficienza complessiva della giunta e dell’amministrazione. Tale operazione era già prevista all’interno dell’agenda per il mese di settembre, ma le circostanze mi spingono ad anticipare i tempi con concretezza. Dopo due anni di mandato si rende necessario mettere mano alle deleghe”.
“Ci scusiamo con i cittadini – è la chiosa finale del Primo cittadino del Capoluogo – per quanto accaduto, ma voglio ricordare che il Comune di Biella, dall’inizio di questo mandato, ha partecipato a bandi per 35 milioni di euro complessivi, oltre ad aver contribuito in maniera determinante per il salvataggio di importanti realtà del territorio in chiave economia e turistica.
Sarà mia cura fornire ulteriori comunicazioni non appena ci saranno aggiornamenti”.

I commenti sono chiusi.