BI24_2010/20_IL MONDO VISTO DA BIELLA. Sandro Delmastro: “Creato un centro di comando britannico per mobilitare l’Europa contro la Cina”

_Sandro Delmastro delle Vedove
Un apparato creato dai britannici e dagli americani all’inizio del 2020 si sta dando molto da fare per far sì che i cittadini europei aderiscano alla sua campagna sul tema delle presunte violazioni dei diritti della minoranza ‘uigura’ nello Xinjiang da parte di Pechino. Si tratta delle forze e delle organizzazioni responsabili del sabotaggio dell’accordo globale sugli investimenti (CAI) negoziato lo scorso dicembre tra Cina e Unione europea, la cui ratifica ì stata sospesa il 20 maggio scorso dal Parlamento europeo. Questa decisione ì stata presa dopo che la Cina aveva emesso delle sanzioni contro l’UE in risposta alle sanzioni adottate da Bruxelles il 22 marzo sulla questione degli ‘uiguri’. Le contro-sanzioni della Cina prendono di mira specificamente cinque membri del Parlamento europeo, nonché altri parlamentari nazionali e organizzazioni associate con l’apparato di cui sopra. La maggior parte di queste organizzazioni ha sede in Gran Bretagna.
In cima alla lista delle organizzazioni c’ì l’Alleanza interparlamentare sulla Cina (IPAC), che ì co-presieduta da Sir Duncan Smith, l’ex presidente del partito conservatore britannico, che ì stato sanzionato anche personalmente. Tra i parlamentari britannici dell’IPAC sanzionati ci sono Tim Loughton e Nusrat Ghani del partito conservatore, la baronessa Helena Kennedy del partito laburista e l’indipendente Lord David Alton. Nel Parlamento europeo, i membri dell’IPAC sanzionati includono due tedeschi, Reinhard Butikofer dei Verdi (anche co-presidente dell’IPAC), Michael Gahler del Partito Popolare Europeo e Miriam Lexmann, una parlamentare slovacca del PPE. L’altra organizzazione creata a Londra e sanzionata dalla Cina ì il Tribunale degli ‘Uiguri’ presieduto dall’avvocato Sir Geoffrey Nice. È stato lanciato il 3 settembre 2020, con l’assistenza della Coalition for Genocide Response, patrocinata da Nice, la baronessa Kennedy e Lord Alton.
L’accademico tedesco “esperto di ‘uiguri’” Adrian Zenz, anche lui colpito da sanzioni, ì un consulente del Tribunale. Il Tribunale ì stato avviato su richiesta di Dolkun Isa, presidente del World Uighur Congress, l’organizzazione internazionale che riunisce gli esuli ‘uiguri’ con sede a Londra e Monaco di Baviera, dove Isa ha ottenuto asilo. Tra il 2016 e il 2019, il Congresso ha ricevuto almeno 1.323.698 dollari dal National Endowment for Democracy (NED) del governo statunitense. Altre organizzazioni ‘uigure’ sovrapposte hanno ricevuto sovvenzioni simili dal NED. Il centro studi sanzionato ì l’anglofilo Mercator Institute for China Studies di Berlino, il più grande istituto europeo dedicato agli studi sulla Cina. Tra i consiglieri c’ì Caio Koch-Weser, presidente del consiglio della European Climate Foundation – nonché consulente di Chatham House – e di James Kynge, il responsabile per la Cina del “Financial Times”. L’Istituto porta avanti un progetto insieme alla Chatham House di Londra chiamato China Security Project.

I commenti sono chiusi.