BI24_2010/20_DALLA REGIONE PIEMONTE/2. Gallo e Furia, Pd: “Il nostro partito promuove la candidatura di Torino per la Gigafactory di Stellantis”

Con un ordine del giorno, a mia prima firma, presentato in Consiglio regionale il Partito Democratico chiede alla Giunta Cirio di promuovere in tutte le sedi la candidatura di Torino a ospitare la Gigafactory di Stellantis. Si tratta di un’opportunità importante non soltanto per il capoluogo piemontese, ma per l’intera regione” dichiara il Presidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale Raffaele Gallo.
“La cultura industriale di Torino, il suo know how, le collaborazioni con l’Università e il Politecnico per la ricerca e l’innovazione e lo sviluppo di nuove tecnologie utili alla mobilità green ne farebbero la sede ideale per ospitare il terzo impianto di assemblaggio di accumulatori che l’amministratore delegato del Gruppo ha annunciato all’inizio dell’anno e che si aggiungerebbe a quelli francese e tedesco. Questo polo rappresenterebbe anche un’opportunità occupazionale per il nostro territorio” spiega il Segretario regionale Pd Paolo Furia.
“I vertici di Stellantis al momento non avrebbero ancora dato indicazioni sul luogo scelto, anche se da alcuni organi di informazione si apprende che Carlos Tavares dovrebbe dare l’annuncio l’8 luglio prossimo in occasione dell’Electrification Day. Il Gruppo ha avanzato al Governo italiano alcune richieste precise: ecoincentivi per l’acquisto di auto elettriche, infrastrutture quali colonnine di ricarica e fondi statali, condizioni per aumentare la domanda di veicoli a propulsione green in grado di giustificare la costruzione di una fabbrica di tale rilevanza sul suolo italiano, richieste che avranno il sostegno del Governo con un piano che prevede un investimento iniziale di 600 milioni di euro che potrebbero essere incrementate fino a 1 miliardo. Torino ha tutte le carte in regola per essere scelta e non può perdere una grande e irripetibile occasione per il suo rilancio economico” concludono i due esponenti dem.

I commenti sono chiusi.